“Gran zoglia traditora” – la musica in corte nel primo Rinascimento italiano

Frottole, villotte, madrigali, villanelle di A. Caprioli, B. Tromboncino, P. Verdelot, J. Archadelt e altri.

Alice Fraccari soprano
Federico Fiorio sopranista
Andrés Montilla Acurero alto
Luca Cervoni tenore
Niccolò Porcedda basso
Giovanni Bellini liuto
André Lislevand viola da gamba
I Protagonisti:
Ensemble vocale e strumentale della FIMA
Dove:
Urbania, Palazzo Ducale, Sala dei Cavalieri

Orchestra Barocca FIMA

Musiche di Muffat, Scarlatti, Vivaldi

Susanne Scholz e Ryo Terakado violini di concerto
I Protagonisti:
Orchestra Barocca FIMA
Dove:
Palazzo Ducale – Cortile d’Onore

Adriano Banchieri: Barca di Venetia per Padova

Commedia armonica

Musica di Adriano Banchieri (Bologna, 1568-ivi, 1634)

Barca di Venetia per Padova. Dilettevoli madrigali a 5 voci […] nuovamente in questa seconda impressione stoppata, impegolata et aggiuntovi il basso continuo (piacendo) per lo spinetto, o chitarrone.
Venezia, Bartolomeo Magni, 1623

La pazzia senile. Ragionamenti vaghi, et dilettevoli novamente composti e dati in luce con la musica di Adriano Banchieri bolognese.
Libro secondo a tre voci. Venezia, Ricciardio Amadino, 1598

Hora prima di recreatione. Canzonette a tre voci di Adriano Banchieri bolognese. Libro primo.
Venezia, Ricciardo Amadino, 1603

Testi di Giulio Cesare Croce (San Giovanni in Persiceto, 1550-Bologna, 1609)

I freschi della Villa dove si contengono Barzellette, Canzoni, Sdruccioli, Disperate, Grotteschi, Bischicci, Pedantesche, Indovinelli, Serenate, Sonetti, Grazianate, Sestine; & in ultimo un’Echo molto galante. Tutte cose piacevoli composti dal già M. Giulio Cesare Croce.
Bologna, Bartolomeo Cochi al Pozzo rosso, 1622

Rissa tremenda fra Mardocai e Badanai con il Festino, Colatione e Musica fatta da loro in segno di pace.
Bologna, per gli eredi dei Cochi, 1629

Maria Dalia Albertini soprano
Arianna Rinaldi soprano
Sonia Tedla soprano
Matteo Mezzaro tenore
Guglielmo Buonsanti basso
Giovanni Bellini chitarrone
Alberto Allegrezza tenore, recitazione, direzione
I Protagonisti:
Dramatodia
Dove:
Collegio Raffaello - Salone Raffaello

Giulio Romano

Giulio Caccini (c.1550-1618)
Amor ch’attendi Nuove Musiche e Nuova Maniera di Scriverle, Firenze 1614
Amor io parto Le Nuove Musiche

Filippo Nicoletti (c. 1554-1634)
Canzona “La Richalla”Manoscritto 156 del Fondo musicale della Bibl. naz. centr. di Roma

Giulio Caccini
Vedrò il mio sol Le Nuove Musiche
Tu ch’hai le penne amore Nuove Musiche e Nuova Maniera […]

Girolamo Frescobaldi (1583-1643)
Toccata per spinettina e violino Il Primo libro delle Canzoni a una, due, tre e quattro voci, Roma 1628

Giulio Caccini
Dolcissimo sospiro Le Nuove Musiche, Firenze 1601
Udite Amanti Le Nuove Musiche

Stefano Landi (c.1581-1649)
Canzona a 3, leuto, tiorba e arpa detta “L’Alessandrina” Manoscritto 156 […]

Giulio Caccini
Non ha ‘l ciel cotanti lumi Nuove Musiche e Nuova Maniera […]
A quei sospiri ardenti Nuove Musiche e Nuova Maniera […]
Amarilli Le Nuove Musiche

Filippo Nicoletti
Canzona “La Capricciosetta” Manoscritto 156 […]

Giulio Caccini
Al fonte, al prato Nuove Musiche e Nuova Maniera […]
Dalla porta d’Oriente Nuove Musiche e Nuova maniera […]

Riccardo Pisani tenore
Ensemble Ricercare Antico
Paolo Perrone ​violino
Flora Papadopoulos arpa
Fabrizio Carta tiorba e arciliuto
Matteo Coticoni violone
Francesco Tomasi tiorba, chitarra barocca e direzione

I Protagonisti:
Riccardo Pisani e Ricercare Antico
Dove:
Collegio Raffaello - Salone Raffaello

Un’alma innamorata

G. F. Haendel
Mi palpita il cor – cantata per soprano, violino (oboe) e basso continuo. HWV 132b
– Recitativo: “Mi palpita il cor”
– Arioso: “Agitata è l’alma mia”
– Aria: “Ho tanti affanni in petto”
– Recitativo: “Clori, di te mi lagno”
– Aria: “Se un dì m’adora la mia crudele”

G. F. Haendel
Sonata per violino e bc in La maggiore. HWV 361
Andante, Allegro, Adagio, Allegro

G. F. Haendel
Partenza. Stelle perfide stelle – cantata per soprano e basso continuo. HWV 168
– Recitativo: “Stelle, perfide stelle”
– Aria: “Se vedrà l’amena sponda”
– Recitativo: “Dove rivolgo il passo”
– Aria: “Quando ritornerò”

G. F. Haendel
Sonata per violino e bc in sol minore. HWV 364a
Larghetto, Allegro, Adagio, Allegro

G. F. Haendel
Un’alma innamorata – cantata per soprano, violino e basso continuo. HWV 173
– Recitativo: “Un’ alma innamorata”
– Aria: “Quel povero core”
– Recitativo: “E pur benché egli veda”
– Aria: “Io godo rido e spero”
– Recitativo: “In quanto a me”
– Aria: “Ben impari come s’ama”

Francesca Aspromonte soprano
Ludovico Minasi violoncello
Gianluca Geremia tiorba
Alexandra Koreneva cembalo
Boris Begelman violino e direzione
I Protagonisti:
Arsenale sonoro
Dove:
Collegio Raffaello - Salone Raffaello

Il violoncello ai tempi del Tiepolo

ANTONIO VIVALDI (Venezia 1678 – Vienna 1741)
Sonata à violoncello solo in Si bemolle maggiore
Largo, Allegro, Largo, Allegro

BENEDETTO MARCELLO (Venezia 1686- Brescia1739)
Sonata IV in sol minore
Adagio, Allegro, Largo, Allegro

DIOGENIO BIGAGLIA (Murano 1676- Venezia 1745)
Sonata à violoncello in sol maggiore

GIOVANNI BENEDETTO PLATTI (Padova 1697 – Wurzburg 1763)
Sonata IV
Largo, Allegro, Adagio, Presto

GIROLAMO BASSANI (Padova – seconda metà del XVII sec- Venezia ca1740 )
Sonata III in la minore
Adagio, Allegro, Grave, Presto

ANTONIO VANDINI (Bologna 1690 – 1778)
Sonata in la minore (1730)
Largo, Allegro, Allegro assai

ANTONIO MARTINELLI (Modena 1704- Venezia 1782)
Sonata per violoncello in re maggiore
Adagio, Allegro, Andante, Allegro

MICHELE STRATICO (Zara 1728- ca 1787)
Sonata à violoncello e basso
Grave, Allegro, Minuetto con variazioni

Gaetano Nasillo e Sara Bennici violoncelli
Anna Fontana clavicembalo
I Protagonisti:
Gaetano Nasillo e Sara Bennici
Dove:
Collegio Raffaello - Salone Raffaello

Duo O’Dette-Young

Paul O’ Dette e Crawford Young liuti
I Protagonisti:
Duo O’Dette-Young
Dove:
Collegio Raffaello - Salone Raffaello

L’Opera au salon

A suite with airs from the great french baroque operas of the siècle d’or français

Scène I

Ouverture (Roland, J.-B. Lully)
Menuets (l’Europe Galante, A. Campra)
Ritournelle des Fées – Lentement (Roland, J.-B Lully)
Air pour les démons et les monstres Très vite (Amadis, J.-B. Lully)

Scène II

Ritournelle (Alcione, M. Marais)
Prélude pour le premier cavalier espagnol (l’Europe Galante, A. Campra)
Scène du second cavalier espagnol (l’Europe Galante, A. Campra)
Chaconne (Alcione, M. Marais)

– I N T E R M I S S I O N –

Scène III

Prélude pour la nuit (le Triomphe de l’Amour, J.-B. Lully)
Prélude (Phaëton, J.-B. Lully)
Scène du Sommeil (Atys, J.-B. Lully)
Entrée des songes funestes I et II (Atys, J.-B. Lully)

Scène IV

Prélude final (Armide, J.-B. Lully)
Prélude (Alcione, M. Marais)
Tremblement de terre (Sémélé, M. Marais)
Tempête (Alcione, M. Marais)
J’avais cru (Anonymous-Ballard)

Épilogue

Symphonie et récit pour le violon d’Orphée
(Orphée descendant aux Enfers, M.-A. Charpentier

Featured composers:
Jean-Baptiste Lully (1632 – 1687)
Marin Marais (1656 – 1727)
Marc-Antoine Charpentier (1643 – 1704)
André Campra (1660 – 1744)

Coline Ormond violino
Mirian Jorde Hompanera oboe
Johanna Bartz flauto
Bruno Hurtado Gonsalvez viola da gamba
Jadran Duncumb tiorba
Julio Caballero Perez clavicembalo
I Protagonisti:
El gran teatro del Mundo
Dove:
Collegio Raffaello - Salone Raffaello

Dal salotto all’opera

L. van Beethoven (1770-1827)
Quartetto op.18 n.2 in sol maggiore
Allegro, Adagio cantabile, Scherzo Allegro, Allegro molto quasi presto

W. A. Mozart (1756-1791)
Quartetto k421 in re minore
Allegro, Andante, Menuetto, Allegretto ma non troppo

G. Donizetti (1797-1848)
Quartetto n.17 in re maggiore
Allegro, Larghetto, Minuetto Presto, Allegro

Mauro Massa violino
Andrea Vassalle violino
Gerardo Vitale viola
Valeria Brunelli violoncello
I Protagonisti:
Quartetto Delfico
Dove:
Collegio Raffaello - Salone Raffaello

Gentilissime espressioni

Antonio Vivaldi (Venezia, 1678 – Vienna, 1741)
Trio in Do maggiore RV 82 per liuto, violino e basso
Allegro non molto – Larghetto lento – Allegro

David Kellner (Lipsia, 1670 – Lipsia, 1748)
Phantasia in Fa maggiore

Bernhard Joachim Hagen (Amburgo, 1720 – Ansbach, 1787)
Sonata à tre in Fa maggiore n.35 per liuto, violino e basso
Allegro – Andante – Minuetto, trio

Georg Benda (Praga, 1722 – Köstritz, 1795)
Sonata IV in Fa maggiore da Sei Sonate per il cembalo solo (1758)

Carl Philipp Emanuel Bach (Weimar, 1714 – Amburgo, 1785)
Sonata in sol minore H.542 per violino e clavicembalo obbligato
[…] – Adagio – Allegro

Emanuele Barbella (Napoli, 1718 – Napoli, 1777)
Sonata in Re maggiore per violino e basso continuo
Allegro – Larghetto – Alla Veneziana, presto e brillante

Gabriele Pro violino
Giovanni Bellini liuto
Nicola Procaccini fortepiano
I Protagonisti:
Anima e Corpo ensemble
Dove:
Collegio Raffaello - Salone Raffaello

Sustain and decay

Pièces en Re

Marin Marais (1656-1728)
Prelude
Allemande

Robert De Visée (1650-1725)
Courante I & II

Marin Marais
Plainte

Robert De Visée
Bourrée Villageiose
Mascerade

J.S. Bach/S.L. Weiss (1685-1750) (1686-1750)
Suite in A Major BWV 1025
Fantasia, Courante, Entrée, Rondeau, Sarabande, Menuet, Allegro

Piéces en Sol

Robert De Visée
Prelude
Allemande
Courante
Sarabande

Antoine Forqueray (1672-1745)
Chaconne
La Buisson

Marin Marais
La Guitare

André Lislevand viola da gamba
Jadran Duncombe tiorba, liuto barocco
I Protagonisti:
Duo Lislevand – Duncombe
Dove:
Collegio Raffaello - Salone Raffaello

L’orchestra nel clavicembalo

François Couperin
25eme Ordre in Mi bemolle maggiore
La visionnaire, La misterieuse, La Monflambert , La muse victorieuse, Les ombres errantes

Johann Sebastian Bach
Concerto Italiano BWV 971
(Senza indicazioni di tempo), Andante, Presto

Johann Sebastian Bach
Concerto in re maggiore BWV 972, trascrizione del concerto RV 230 di A. Vivaldi
Allegro, Larghetto, Allegro

Domenico Scarlatti
Quattro sonate

Cristiano Gaudio clavicembalo
I Protagonisti:
Cristiano Gaudio
Dove:
Collegio Raffaello - Salone Raffaello

Arcangelo Corelli: le sonate dell’opera V – Modello di un’epoca

Arcangelo Corelli

Sonata I
(abbellimenti dell’edizione di Etienne Roger, Amsterdam 1710)

Sonata III
(tratta dalle “Dissertazioni sopra l’Opera Quinta del Corelli” di Francesco Maria Veracini, ca.
1722)

Sonata IV
(abbellimenti di Johan Helmich Roman, ca. 1715-21)

Sonata VIII
(abbellimenti del manoscritto di Manchester, ca. 1750)

Sonata IX
(abbellimenti di Francesco  Geminiani, da “A general History of science and practice of music” diJohn Hawkins, London 1776)

Sonata XII – Follia

Susanne Scholz violino
Michael Hell clavicembalo
I Protagonisti:
Susanne Scholz e Michael Hell
Dove:
Collegio Raffaello - Salone Raffaello

“Gran zoglia traditora” – la musica in corte nel primo Rinascimento italiano

Frottole, villotte, madrigali, villanelle di A. Caprioli, B. Tromboncino, P. Verdelot, J. Archadelt e altri.

Alice Fraccari soprano
Federico Fiorio sopranista
Andrés Montilla Acurero alto
Luca Cervoni tenore
Niccolò Porcedda basso
Giovanni Bellini liuto
André Lislevand viola da gamba
I Protagonisti:
Ensemble vocale e strumentale della FIMA
Dove:
Collegio Raffaello - Salone Raffaello

Armonie al crepuscolo

Urbino

I concerti di musica da camera degli allievi dei corsi di Urbino Musica Antica nei luoghi storici della città:

  • 23 luglio, ore 19.00 Oratorio San Giuseppe
  • 24 luglio, ore 19.00 Oratorio San Giuseppe
  • 25 luglio, ore 19.00 Oratorio San Giuseppe
  • 26 luglio, ore 19.00 Oratorio San Giuseppe
  • 27 luglio, ore 19.00 Collegio Raffaello
  • 28 luglio, ore 19.00 Portico Asilo Valerio
Dove:
Collegio Raffaello, Oratorio San Giuseppe, Portico Asilo Valerio
I Protagonisti:
Allievi dei corsi di Urbino Musica Antica
Ingresso gratuito

Differenti tipi d’amore C. Monteverdi

21 luglio

Selezione da Orfeo, Il ritorno di Ulisse in patria e L’Incoronazione di Poppea

Il concerto conclusivo del festival con uno spettacolo da non perdere ideato da Rinaldo Alessandrini per la celebrazione del centenario monteverdiano: le pagine più belle tratte da Orfeo, Il ritorno di Ulisse in Patria, L’incoronazione di Poppea, legate tra loro in una compilation che ha come tema l’amore nelle sue infinite sfumature. Messe in scena da un cast di studenti di altissimo livello sotto l’autorevole guida di Rinaldo Alessandrini.
 

Dove:
Palazzo Ducale, Salone del Trono
I Protagonisti:
Ensemble vocale e strumentale FIMA
Rinaldo Alessandrini regia e direzione
Partecipanti alla masterclass sulle opere di Monteverdi
Biglietti: interi: 15 €; ridotti: 12 € * * (fino a 13 anni e oltre i 65 anni, studenti Università degli Studi di Urbino) Gratuito per gli allievi dei Corsi Internazionali di Musica Antica Concerto non in abbonamento

Laetatus sum – De profundis

28.luglio
  • Pietro Paolo Bencini Laetatus sum concertato ad alto solo e ripieni (1725)
  • Giuseppe Gonelli De Profundis per soli, coro ed orchestra (1736)

Due riscoperte gemme del Settecento musicale italiano, Il Laetatus sum di Bencini ed il De profundis di Gonelli proposti a confronto da Alessandro Quarta, che, insieme ai solisti e all’orchestra formata dai migliori strumentisti barocchi dei conservatori italiani, regalerà anche quest’anno un grande evento spettacolare. Due salmi concertati che evocano due civiltà musicali: Bencini, romano, si esprime ancora nella scia della tradizione corelliana e del contrappunto ‘alla romana’; Gonelli invece, cremonese, intona il cupo testo del De profundis con quella varietà e generosità di linguaggi, ora drammatici e teatrali ora contrappuntistici, tipica della stagione della musica galante.

 

I gesti teatrali del classicismo

Image 3

 

Una serata ambientata in un salotto viennese di fine Settecento con il clarinetto protagonista, accompagnato dai suoni magici del fortepiano.

Musiche di Wolfgang Amadeus Mozart, Franz Joseph Haydn e Franz Anton Hoffmeister. 

Dove:
Collegio Raffaello - Salone Raffaello
I Protagonisti:
Lorenzo Coppola clarinetto
Carmen Leoni fortepiano
Biglietti: interi: 15 €; ridotti: 12 € * * (fino a 13 anni e oltre i 65 anni, studenti Università degli Studi di Urbino, allievi corso internazionale di musica antica)

G. Ph. Telemann

28.luglio1

Uno dei più poliedrici musicisti del barocco tedesco ma non solo, vista la grande versatilità nell’impossessarsi dei vari stili, Telemann viene ricordato ad Urbino nel 250° anniversario della morte in uno degli eventi più rappresentativi del festival: il concerto finale dell’orchestra barocca diretta dal sempre brillante Alfredo Bernardini

Dove:
Palazzo Ducale, Cortile d’Onore
I Protagonisti:
Orchestra barocca FIMA
Alfredo Bernardini direttore
Biglietti: interi: 15 €; ridotti: 12 € * * (fino a 13 anni e oltre i 65 anni, studenti Università degli Studi di Urbino) Gratuito per gli allievi dei Corsi Internazionali di Musica Antica Concerto non in abbonamento

Musicalische Frülingsfrüchte

25.luglio

Musiche di A. Kertzinger, J.H. Schmeltzer, D. Buxtehude

Se per molti la musica può rappresentare un bene superfluo, per altri è un piccolo lusso di cui si ha comunque bisogno per nutrire lo spirito. A questi ultimi è dedicato il doppio concerto che vede tre specialisti del barocco impegnati in un confronto tra lo stile francese e quello tedesco, sempre con uno sguardo rivolto all’Italia. Se quest’ultima possedeva per i musicisti barocchi sia le prerogative dell’antichità e della classicità sia il dono della naturalezza espressiva e melodica, è la musica francese a impossessarsi dell’autorità stilistica e dei dettami del buon gusto che tanto peso esercitano anche sulla musica tedesca.

Dove:
Palazzo Ducale, Salone del Trono
I Protagonisti:
Enrico Gatti violino
Giovanni Togni clavicembalo
Juan Manuel Quintana viola da gamba
Biglietti: interi: 15 €; ridotti: 12 € * * (fino a 13 anni e oltre i 65 anni, studenti Università degli Studi di Urbino, allievi corso internazionale di musica antica)

Dialoghi bachiani

24.luglio

Un indimenticabile programma dedicato alle opere per violino e tastiera di Bach che tocca tutti i ben noti vertici dell’arte del maestro di Eisenach: profondità di visione musicale, varietà di colori strumentali, virtuosismo negli allegri e toccante espressività nei tempi lenti, trasfigurano i due strumenti in una dimensione orchestrale.

Dove:
Palazzo Ducale, Salone del Trono
I Protagonisti:
Elisa Citterio violino
Stefano Demicheli clavicembalo
Biglietti: interi: 15 €; ridotti: 12 € * * (fino a 13 anni e oltre i 65 anni, studenti Università degli Studi di Urbino, allievi corso internazionale di musica antica)

Sacri Concerti all’epoca di Monteverdi e Cavalli

23.luglio

Musiche di A. Grandi, G. Brunetti, G. Rovetta, G.B. Chinelli, F. Cavalli

Un’occasione unica per ascoltare un gruppo internazionale di giovani cantanti e strumentisti provenienti da cinque conservatori (Bucarest, Eisenstadt, L’Aia, Parma e Vicenza) uniti in un progetto europeo (VoxearlyMusic) di vasto respiro, dedicato alla vocalità antica. Nell’ambito del centenario monteverdiano il programma propone musiche sacre degli autori a lui contemporanei.

voxearlymus

Dove:
Palazzo Ducale, Cortile d’Onore
I Protagonisti:
Ensemble VoxearlyMus
Isaac Alonso de Molina
Biglietti: interi: 15 €; ridotti: 12 € * * (fino a 13 anni e oltre i 65 anni, studenti Università degli Studi di Urbino, allievi corso internazionale di musica antica)

Calami sonum ferentes

22.luglio1

Da Mesomede di Creta a J.S. Bach

Dal mondo apollineo degli archi a quello dionisiaco dei fiati: un itinerario che inizia dagli esordi classici della cultura musicale per arrivare alla polifonia del Rinascimento e poi al Barocco, dove canto e basso, privi del consueto sostegno del basso continuo,  dialogheranno allo stesso livello di consapevolezza musicale.

Dove:
Palazzo Ducale, Salone del Trono
I Protagonisti:
Stefano Bragetti flauti dolci
Elena Bianchi fagotto
Biglietti: interi: 15 €; ridotti: 12 € * * (fino a 13 anni e oltre i 65 anni, studenti Università degli Studi di Urbino, allievi corso internazionale di musica antica)

Sentimento e virtuosismo

22.luglio

Boccherini, Sonate à violoncello solo col basso

Splendida figura di musicista isolato ma al contempo inventore di uno stile personalissimo in grado di competere coi suoi grandi contemporanei del periodo classico (Haydn in primis), Boccherini dedicò il massimo della sua inventiva all’amato violoncello, che in questo concerto sarà rappresentato da un duo d’eccezione.

Dove:
Palazzo Ducale, Salone del Trono
I Protagonisti:
Gaetano Nasillo e Sara Bennici violoncelli
Biglietti: interi: 15 €; ridotti: 12 € * * (fino a 13 anni e oltre i 65 anni, studenti Università degli Studi di Urbino, allievi corso internazionale di musica antica)

C. Monteverdi, G. Frescobaldi

21 luglio

Monteverdi viene ricordato, nel 450° anniversario della nascita, dal gruppo italiano che più lo ha valorizzato nel mondo. Accanto ai madrigali del VII Libro, le musiche vocali del suo grande contemporaneo Frescobaldi: un avvincente confronto tra la libertà espressiva del primo e la più composta ma non meno emozionante carica comunicativa del secondo.

Dove:
Palazzo Ducale, Salone del Trono
I Protagonisti:
Concerto Italiano
Rinaldo Alessandrini
Biglietti: interi: 15 €; ridotti: 12 € * * (fino a 13 anni e oltre i 65 anni, studenti Università degli Studi di Urbino, allievi corso internazionale di musica antica)

Fughe e galanterie

20.luglio

Ph. Telemann Fantasie TWV 40:2-13 TWV 40:26-37

Un dialogo a distanza tra viola da gamba e traversiere, ispirato dalle musiche di G. Ph. Telemann. Uno dei più prolifici e versatili compositori del barocco, nelle sue Fantasie infonde allo strumento solista i caratteri della polifonia e dell’invenzione strumentale più raffinata in cui l’ampio e sapiente uso delle tonalità traccia un arcobaleno di colori che valorizzano al massimo la varietà dei due strumenti. Teodoro Baù apprezzato musicista della nuova generazione, vincitore del concorso Bach-Abel di Köthen, ritorna ad Urbino dopo esservi più volte stato come prezioso studente.

Dove:
Palazzo Ducale, Salone del Trono
I Protagonisti:
Marcello Gatti traversiere
Teodoro Baù viola da gamba
Biglietti: interi: 15 €; ridotti: 12 € * * (fino a 13 anni e oltre i 65 anni, studenti Università degli Studi di Urbino, allievi corso internazionale di musica antica)

Il clavicembalo ben temperato Selezione dal Libro Secondo

19 luglio

Apre il festival uno dei più affermati cembalisti italiani con un’opera che è considerata un classico della tastiera di tutti i tempi. Un concerto monografico ma ricco di stimoli: dalla pura razionalità alle più forti emozioni espressive e virtuosistiche. In programma una selezione dal Secondo Libro de Il clavicembalo ben temperato.

Dove:
Palazzo Ducale, Salone del Trono
I Protagonisti:
Enrico Baiano clavicembalo
Biglietti: interi: 15 €; ridotti: 12 € * * (fino a 13 anni e oltre i 65 anni, studenti Università degli Studi di Urbino, allievi corso internazionale di musica antica)

Another Company

logo-6

Fusce dapibus, tellus ac cursus commodo, tortor mauris condimentum nibh, ut fermentum massa justo sit amet risus. Vivamus sagittis lacus vel augue laoreet rutrum faucibus dolor auctor. Praesent commodo cursus magna, vel scelerisque nisl consectetur et. Donec sed odio dui. Praesent commodo cursus magna, vel scelerisque nisl consectetur et. Duis mollis, est non commodo luctus, nisi erat porttitor ligula, eget lacinia odio sem nec elit. Nullam quis risus eget urna mollis ornare vel eu leo.

Fusce dapibus, tellus ac cursus commodo, tortor mauris condimentum nibh, ut fermentum massa justo sit amet risus. Nulla vitae elit libero, a pharetra augue. Morbi leo risus, porta ac consectetur ac, vestibulum at eros. Sed posuere consectetur est at lobortis. Curabitur blandit tempus porttitor. Donec ullamcorper nulla non metus auctor fringilla.
(more…)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Lars Ulrik Mortensen

lars_ulrik_mortensen_credit_kim_wendt_720x480_mini

Lars Ulrik Mortensen is best known as a harpsichordist active largely in Baroque solo and chamber music repertory. But his career is quite multifaceted: he has regularly conducted both instrumental and operatic works and has taught harpsichord and historic performance practices at the Hochschule fur Musik in Munich. He has often appeared in concert as accompanist to singer Emma Kirkby and has regularly partnered violinist John Holloway and cellist Jaap ter Linden. As a soloist Mortensen has garnered acclaim for his recordings of the Goldberg Variations and various Buxtehude keyboard works. Mortensen’s repertory is vast, but apart from Haydn, Mozart, and a few others, is largely limited to Baroque composers, including Froberger, Handel, Vivaldi, Geminiani, Leclair, and a long list of others. Mortensen has made numerous recordings (mostly as harpsichordist) for a variety of labels, including Archiv Produktion, BIS, Chandos, CPO, ECM, Kontrapunkt, and Naxos.

Lars Ulrik Mortensen was born in Denmark in 1955. He studied harpsichord with Karen Englund at the Copenhagen-based Royal Danish Academy of Music. He later studied harpsichord and conducting with Trevor Pinnock in London. Mortensen’s first important ensemble post was as harpsichordist with the London Baroque, from 1988-1990. He was a member of the Collegium Musicum 90 from 1990-1993 and also played in the Trio Veracini with violinist John Holloway and cellist David Watkin. In 1989 Mortensen recorded the Bach Goldberg Variations for Kontrapunkt, and the album was given the prestigious Diapason d’Or award. Mortensen continued with a string of successful recordings in the 1990s, drawing attention in particular for several discs of J.S. Bach and Buxtehude works.

In 1999 Mortensen was appointed artistic director of the period-instrument ensemble Concerto Copenhagen (CoCo). In 2000 he was named Danish Musician of the Year for three CDs of harpsichord music by Buxtehude. That same trio of recordings was given a Cannes Classical Award in 2001.

In 2003 Mortensen led a highly acclaimed performance of Mozart’s Marriage of Figaro at the Royal Theatre in Copenhagen. The following year he was appointed artistic director of the European Union Baroque Orchestra. He has continued to work with CoCo and has been particularly active with the group on tour throughout Europe, Asia, and the Americas. In 2007 Mortensen was given Denmark’s highest music award, the Léonie Sonning Music Prize. His later recordings include a 2008 ECM disc of Leclair violin sonatas, with John Holloway and Jaap ter Linden.

European Union Baroque Orchestra

eubo_mini

Cultural Ambassador for the European Union

The European Union Baroque Orchestra is like no other orchestra: its modus operandi since its foundation in 1985 has been to audition and select new personnel annually. EUBO’s ephemeral existence makes its concerts special: live performances enjoying all the technical accomplishment of the best young baroque musicians in Europe, allied to an infectious undimmed sense of discovery and enjoyment. “The skilful playing of this extraordinary pan-European orchestra…augurs well for the future of Baroque music-making in Europe.” (International Record Review 2014)

Members of EUBO come from all over the EU to gain performing experience, working together under the inspirational leadership of Music Director Lars Ulrik Mortensen and some of the world’s finest baroque musicians. Ton Koopman, Margaret Faultless, Enrico Onofri, Rachel Podger, Riccardo Minasi, Paul Agnew, Gottfried von der Goltz and Stefano Montanari have all been guest directors in recent seasons.

Tours take the talented young orchestra to all corners of Europe – from celebrated city concert halls, to seaside summer festivals, to monasteries nestling in autumnal forests, and to winter celebrations in beautiful churches. And at the centre of these great arcs of European travelling EUBO has established residencies in several cities, most notably as “orchestra-in-residence” in Echternach, Luxembourg, where, with the support of its local partners, it is creating a centre of excellence for baroque music.

Over the years EUBO has recorded several CDs, the last four under the direction of Lars Ulrik Mortensen. The CD release ‘Peace & Celebration’, featuring choral and orchestral works by Handel, was recorded live in concert in London with the Choir of Clare College, Cambridge, in September 2013. Gramophone magazine praised “the refreshing spontaneity of this live recording. The rapturous dialogue of Mortensen and his youthful crew…put some more experienced Baroque bands to shame.” EUBO’s recording ‘Pure Handel’ with soprano Maria Keohane was shortlisted for the 2014 Gramophone Awards:“a generous celebration of this estimable organisation’s (EUBO) continuing high achievement. These are live-wire performances, technically excellent and propelled with exactly the right degree of driving energy…” Gramophone August 2014.

Between 2015 and 2018, the activities of EUBO are an integral part of ‘EUBO Mobile Baroque Academy’ (EMBA), a Creative Europe co-operation project, co-funded by the European Union and organised by EUBO and its nine partners. The orchestra has been honoured with the status of Cultural Ambassador for the European Union in perpetuity. Flying the flag for Europe, “EUBO is” as former EC President Barroso says, “a perfect symbol of the power of integration, a subtle and potent instrument of harmonisation between people and nations”.

Concerto Palatino

concerto-palatino_mini

The names Bruce Dickey and Charles Toet are practically synonymous with the modern revival of the cornetto and the Baroque trombone and are largely responsible for the enormous advances that have been made in the last 20 years in playing standards on these instruments. In a collaboration of some 25 years, they have together trained a whole generation of cornetto and trombone players, many of whom have become regular members of Concerto Palatino.

While the core group is comprised of two cornetti and three trombones, this formation is frequently augmented by the addition of brass players, strings, or singers as necessary. Inevitably, much of their repertoire is sacred, as these instruments were a fixture of musical chapels in both the Catholic south and the Protestant north, from the time of the first flowering of Flemish polyphony in the early 16th century through their twilight years at the time of J.S. Bach, one of the last composers to employ them in a serious way.

Concerto Palatino frequently collaborates with other leading ensembles, in particular Cantus Cölln (Konrad Junghänel), Collegium Vocale Ghent (Philippe Herreweghe), La Dolcezza (Veronika Skuplik), the Amsterdam Baroque Orchestra (Ton Koopman), and the Bach Collegium Japan (Masaki Suzuki).

Concerto Palatino places a high priority on unearthing neglected gems of music history and giving them a place in the concert hall and record catalogs alongside the works of established masters. Thus, in addition to highly acclaimed recordings of Schütz, Gabrieli, and Monteverdi, they have made premiere recordings of the Marian Vespers of Francesco Cavalli, the Missa Maria Concertata of Christoph Strauss, and Palestrina’s Missa sine nomine preserved in a manuscript of J. S. Bach. Their numerous recordings for EMI Reflexe, Accent, and harmonia mundi France have received high acclaim. In particular, a major series of recordings together with Cantus Cölln (Vespers of Monteverdi and Rosenmüller, Schütz’ Psalmen Davidsand Symphoniae sacrae, the Selva Morale e spirituale of Monteverdi) has won numerous prestigious awards.

Photo © Sabrina Flauger

Maria Cleary

maria-clearly

La straordinaria arpista Maria Christina Cleary di origine irlandese, una “pioniera della prassi esecutiva antica” è stata descritta come “una vera virtuosa” e “brillante solista”. Maria è conosciuta per le sue doti di improvvisazione e per il suo ingegnoso stile nel suonare il basso continuo, caratteristiche che sa dosare accuratamente per ottenere dall’intricato strumento un suono prezioso.

Ha conseguito cinque diplomi al conservatorio di Dublino, Londra, L’Aia e Bruxelles. Ha studiato arpa con Susanna Mildonian. Attualmente sta completando un dottorato di ricerca artistica presso l’università di Leiden.

Specializzata in arpe storiche, Maria è parte di quel raro gruppo di arpiste che suona l’arpa medievale, l’arpa doppia italiana, l’arpa spagnola de dos ordenes e l’Harpe Organisée del 18 secolo. Ha riscoperto una tecnica per l’utilizzo dei pedali, usata esclusivamente nei modelli di arpa a movimento semplice. Ha sviluppato un’arpa cromatica medievale sulla quale suona il repertorio dal XIII al XV secolo, e ha usato questo strumento nelle registrazioni con il gruppo Tetraktys.

Maria si è esibita come solista con l’Amsterdam Baroque Orchestra, American Bach Soloists, Orchestra of the Antipodes Sydney, Bayerisches Staatsoper, Portland Baroque Orchestra, Arion Ensemble Montreal, e con RTE Concert Orchestra. Nel 2014 Maria è stata invitata al World Harp Congress in Sydney a suonare in prima assoluta, e prima volta al Convegno un concerto di J. B. Krumpholtz con un harpe organisée. Maria si esibisce regolarmente con Davide Monti in Arparla, un duo violino/arpa specializzato nel repertorio dal XVII al XIX secolo.

Le registrazioni con Arparla includono Allora chiudi gli occhi, il primo CD delle sonate di Spohr per violino e arpa con gli strumenti originali e secondo la prassi storica. Altri brani a solo di Frescobaldi, Merula, Uccellini e Rossi sono inclusi nei CD, Le Grazie del Violino, Canzoni over Sonate di Uccellini Op. 5, e sempre di Uccellini le Sonate dell’Op.4. Le Grazie del Violino è il primo CD in assoluto che usa l’arpa come unico strumento di basso continuo.

Ha vinto numerosi premi come solista in concorsi Nazionali ed Internazionali, tra i quali il primo premio ex aequo all’Utrecht Early Music Competition nel 1997, il sesto premio al Nippon International Harp Competition nel 1996, il secondo premio al Dutch National Harp Competition nel 1997. Ha lavorato come Arpista Principale nella Koninklijk Concertgebouw Orkest di Amsterdam. Maria è stata l’arpista del gruppo di musica contemporanea MusikFabrik di Colonia, e ha lavorato anche con Remix Ensemble Porto e Ensemble Prometheus Belgium. Ha suonato e registrato più di trenta brani in prima assoluta, per ensemble e arpa sola.

Maria è stata insegnante ospite alla Kampala University, alla Guildhall University a Londra, nei conservatori di Singapore, Sydney, Melbourne, Brisbane, Venezia, Padova (2005-2008), Krakow Academy of Music, Haute École de Musique de Genève, Sibelius Academy di Helsinki. Tuttora è insegnante della classe di Arpe Storiche al conservatorio di Verona, e nell’anno in corso insegnerà al rinomato corso estivo di Urbino e alla famosa Juilliard School of Music di New York.

Ensemble Bella Gerit

ensemble bella gerit

L’Ensemble Bella Gerit, fondato nel 2005 e diretto dai fratelli Simone ed Enea Sorini, si occupa dei repertori musicali Rinascimentali del Ducato di Urbino, della loro riscoperta e interpretazione filologica nonché dello studio sugli strumenti musicali antichi condotto attentamente sulle molteplici iconografie locali.

Supportato dall’omonima Associazione Culturale, ha dato vita ad una collana di opere discografiche inedite realizzate dai manoscritti musicali appartenuti alla biblioteca Ducale, con il dichiarato intento di restituire alla storia della musica europea Urbino e i nomi dei suoi Duchi (Montefeltro prima e Della Rovere in seguito) e di recuperare la grande tradizione musicale di quella che fu una delle Corti più floride di tutto il XV secolo, dove “concorrevano ogni sorta d’uomini piacevoli e li più eccellenti in ogni facoltà che in Italia si trovassimo *”.

( *da il “Cortegiano” – 1528, di Baldassarre Castiglione)

Biglietti

50° FESTIVAL URBINO MUSICA ANTICA

19-28 luglio 2018

Direttore artistico: Alessandro Quarta

Biglietti
15€ intero
12€ ridotto*
*fino a 13 anni e oltre i 65 anni, studenti Università degli Studi di Urbino, allievi corso
internazionale di musica antica

Abbonamenti
per tutti i concerti a pagamento: 100€ (per chi acquista l’abbonamento entro il 30 giugno: 90€)
per 7 concerti a scelta: 60€
studenti al di sotto dei 25 anni iscritti ai corsi di musica antica, per tutti i concerti a
pagamento: 50€

Concerti a ingresso libero:
22 luglio ore 21:00, Urbania
27 luglio ore 21:30

acquista il biglietto online: http://www.liveticket.it/urbinomusicantica

Luca Guglielmi

Luca Guglielmi
photo : Marco Borggreve

Harpsichordist, organist, composer and conductor. He alternates concert activity around the world with summer courses and masterclasses in Italy and abroad. He collaborates frequently with Jordi Savall, Cecilia Bartoli, Carmignola Giuliano, Paolo Pandolfo, Katia and Marielle Labéque, the Zefiro Ensemble, the Ensemble La Fenice, the Rai Turin Orchestra. He has made more than fifty recordings as a soloist and in ensemble, on CDs and DVDs, for the most prestigious labels (Decca, Teldec, cpo, Accent, Stradivarius, Vivat, Elegia, ORF). Mr. Guglielmi teaches harpsichord, fortepiano, continuo playing and historical keyboards at the Escola Superior de Musica de Catalunya (ESMuC), Barcelona.

www.lucaguglielmi.com

Enea Sorini

Enea Sorini

Nasce ad Urbino (PU) il 13 Gennaio 1975.
Si avvicina al mondo della musica all’età di otto anni, quando viene selezionato per entrare nel coro dei Pueri Cantores di Pesaro: tale esperienza (durata circa 15 anni), gli consente di venire a contatto con la musica antica e di sviluppare uno spiccato senso armonico/polifonico delle voci.
Terminati gli studi artistici presso la sua città (diploma in Cinema d’animazione alla Scuola d’Arte e laurea di I° livello in Scultura all’Accademia di Belle Arti), si trasferisce a Pesaro, dove consegue dapprima la laurea di I° livello in Canto (indirizzo cameristico/oratoriale) e successivamente la laurea di II° livello in Canto Barocco presso il Conservatorio G. Rossini.
Collabora con l’ensemble di musica medievale Micrologus (Assisi) col quale si esibisce nei festival più prestigiosi d’Europa e d’oltre Oceano in qualità di cantante, percussionista e suonatore di salterio; tale collaborazione, lo ha portato inoltre a lavorare con il coreografo/ballerino belga Sidi Larbi Cherkaoui, i cui spettacoli sono prodotti e distribuiti in tutto il mondo da “Eastman company” (Anversa).
Sempre nell’ambito della musica medievale, collabora con l’ensemble Les Musiciens de Saint Julien di Parigi (diapason d’or 2013 per il cd “Je voy le bon tens venir” –  © Alpha).
E’ parte integrante e socio/fondatore dell’ensemble Bella Gerit di Urbino (gruppo di ricerca e interpretazione del repertorio rinascimentale); oltre ad esserne cantante/strumentista, ne cura la parte discografica.
In ambito barocco ha partecipato a diverse produzioni e rappresentazioni, tra cui:
Euridice di J.Peri, Piccolo Regio di Torino (Festival MITO)
Le Disgrazie d’amore di A.Cesti, Teatro Verdi di Pisa (stagione lirica 2009/10)
Serenata a tre di A.Vivaldi, Teatro Rossini di Pesaro
Vespro della Beata Vergine di C.Monteverdi, Macerata Opera Festival (dir. Marco Mencoboni)
L’Adoratione de’ Maggi di C.Caresana, Madrid (“I Turchini”, dir.  A.Florio)
La Farsa del Barba, progetto televisivo per la RTSI Svizzera (dir. D.Fasolis).
Collabora con La Verdi Barocca di Milano (dir. Ruben Jais).
A livello discografico ha inciso per Sony, Alpha e Hyperion.

Simone Sorini

Simone Sorini

Laureato in musicologia, svolge la sua attività di filologo e ricercatore – rivolta per molti anni in modo particolare ai repertori musicali riferibili al ducato dei Montefeltro e dei Della Rovere di Urbino, a seguito della quale ha progettato e realizzato con Bella Gerit, di cui è fondatore e coordinatore musicale, tre opere discografiche – ora coronata dal completamento della monografia su un importante autore fiammingo del tardo rinascimento di cui si erano perse le tracce; il volume, dal titolo “L’Opera Sacra di Leonard Meldert” contiene, oltre a parte delle sue trascrizioni in notazione moderna delle opere Sacre italiane del Maestro ritrovate, anche notizie biografiche, nuove ipotesi interpretative relative ai repertori dell’epoca, e studi sulle relazioni con altri musicisti dell’epoca.

Grazie a questo studio è entrato anche a far parte dei “contributor” del New Grove, la più grande enciclopedia della musica e dei musicisti, oggi disponibile anche in rete.

Avendo studiato canto con diversi maestri in Italia e in Europa, possiede oggi una tecnica vocale unica che gli permette di ottenere un suono acuto tenorile pieno, brillante e naturale.

Il suo stile vocale non accademico ed immediatamente riconoscibile, che lo ha reso un punto di riferimento per gli interpreti di musica antica, è molto apprezzato in Europa, dove si è esibito nei più importanti teatri e festivals tra i quali Temporada Gulbenkian di Lisbona, Early Music Festival di Boston, Saison Musicale à Royaumont, Early Music Weekend di Londra, Stockholm Early Music Festival, Festival Van Vlaanderen di Anversa, Festival Baroque di Pontoise, Copenhagen Renaissance Music Festival.

Polistrumentista, ha nel corso degli anni affinato una conoscenza approfondita degli strumenti medievali e rinascimentali a plettro, di cui ne possiede alcune decine – tutti ricostruiti in base alle antiche iconografie – anche grazie allo studio con il compianto M° Adolfo Broegg.

Versatile interprete dei repertori liutistici dal medioevo al primo rinascimento, si esibisce da solista utilizzando i suoi strumenti per accompagnarsi nel canto, riportando così in luce l’antica professione del “Cantore al liuto”, definizione storica attribuita spesso anche a Francesco Petrarca, ma propria di musici e compositori italiani a partire dalla fine del ‘400.

Fondatore, insieme a Claudia Viviani, dei nuovi Ensemble Syrena Syrenarum e del Meldert Ensemble, è membro storico dell’Ensemble Micrologus, e collabora inoltre con altri gruppi tra cui Les Musiciens de Saint-Julien e Vox Cantoris.

E’ direttore del gruppo corale “Narnia Cantores”, un ensemble vocale a voci miste dedito all’esecuzione di repertori medievali – ed in particolare alla riscoperta e diffusione di quelli di ambito locale – che si avvale anche di strumenti a corde, tamburi e percussioni ricostruiti in base alle antiche iconografie.

Tiene corsi di formazione al canto e stages, ed ogniqualvolta possibile conferisce alle sue esibizioni anche un’impronta didattico – culturale.

La sua enciclopedica conoscenza di stili e generi dalla musica medievale a quella moderna, insieme alla sua innata vocazione musicale, lo portano all’elaborazione di originali e particolari progetti di contaminazione tra mondo antico e contemporaneo, dove strumenti antichi dalle sonorità inusitate ed evocative dialogano con strumenti elettrici e digitali.

Frutto di tale ricerca la sua ultima creazione, OPUS, concerto/spettacolo di produzione italo-francese ispirato all’alchimia, andato in scena a Pigna (Corsica) nell’estate 2013, di cui nuove rappresentazioni sono andate in scena al Lunatica Festival di Massa Carrara ed al Grey Cat Festival di Grosseto nell’estate 2014.

Sempre in tale ambito ha anche ideato e realizzato con Bella Gerit lo spettacolo multimediale “De Divina Proportione” andato in scena al Ravenna Festival 2011, occupandosi anche della parte di ricerca musicologica e storica.

Ha cantato e suonato in oltre 30 registrazioni edite da Sony, Stradivarius, Alpha, K617, che hanno ricevuto in Francia prestigiosi riconoscimenti come “Diapason d’or” e “Choc de la musique”.

Ha partecipato al tour mondiale di Myth, l’opera di Sidi Larbi Cherkaoui, e si è esibito, oltre che in Europa, in Mexico, Canada, Russia, Bulgaria, Syria, Stati Uniti.

Alessandro Quarta

Alessandro Quarta

Direttore e compositore, svolge attività concertistica con particolare attenzione al repertorio vocale Rinascimentale e Barocco. E’ fondatore e direttore dell’ensemble vocale e strumentale Concerto Romano con il quale si dedica principalmente alla riscoperta del repertorio romano (e più in generale italiano) dei secc. XVI e XVII.

Nel 2004 è stato direttore ospite del festival operistico Musica nel Chiostro di Grosseto, dove ha diretto la prima italiana dell’Opera seria di L.Gassmann. Dal 2007 al 2012 ha ricoperto la carica di maestro di cappella della Insigne Cappella Musicale del Pantheon, ed è attualmente maestro nella Chiesa di S. Lucia al Gonfalone a Roma.

Dal 2007 è docente di canto madrigalistico presso i corsi internazionali di musica antica della FIMA (Fondazione Italiana per la Musica Antica – Urbino), ove ha inoltre, nel 2013 tenuto una masterclass sull’oratorio romano del ‘600. Sempre nell’ambito didattico ha tenuto un master di canto d’insieme presso il Conservatorio Licinio Refice di Frosinone (2013) e presso la Hochschule fuer Musik und Tanz di Colonia (2014) sulla musica sacra romana del secolo XVII, in collaborazione con l’Istituto di Cultura Italiano di Colonia. Insegna canto scenico presso la scuola Fondamenta di Roma.

Dal 2014 è direttore ospite del gruppo vocale Ars Nova di Salamanca. Svolge attività di ricerca musicologica, incentrando l’attenzione sul repertorio inedito della Scuola Romana dei secoli XVI e XVII. Ha curato un’edizione moderna dell’Oratorio Mestissime Jesu di M.Marazzoli per Analecta Musicologica (DHI, Roma), ed è collaboratore dell’IBIMUS (Istituto Bibliografico Musicale italiano), per il quale ha in preparazione un volume antologico di musiche Oratoriane romane.

Lorenzo Coppola

Lorenzo Coppola

Nato a Roma, dopo gli studi di clarinetto moderno sotto la guida di Franco Ferranti, dal 1991 al 1995 è stato allievo di Eric Hoeprich nella classe di clarinetto storico del Conservatorio Reale dell’ Aia.

Ha collaborato con ensemble specializzati nell’esecuzione di musica barocca e classica con strumenti originali, fra i quali :

Les Arts Florissants (W. Christie), La Petite Bande (S. Kuijken), Orchestra del XVIII secolo (F. Brüggen), Freiburger Barockorchester (G. von der Goltz), La Grande Ecurie et la Chambre du Roy (J.C. Malgoire), Ensemble Baroque de Limoges (C.Coin), Libera Classica (Hidemi Suzuki), Bach Collegium Japan (Maasaki Suzuki).

Svolge attività  di musica da camera con gruppi e  musicisti quali : Kuijken Quartet (S. Kuijken), Ensemble Philidor, Ensemble Zefiro (A. Bernardini), Académie St. Cécile (P. Couvert), Manon Quartett (A. Daskalakis), Quatuor Terpsycordes (G. Bottiglieri), Libera Classica (Hidemi Suzuki), Segiu Luca, Isabelle Faust.

Ha insegnato ai corsi internazionali di musica antica di Prato (1993-1999) e Urbino (1998, 2006), ai corsi organizzati dalla Caixa di Barcellona (Cadice 1999, Castellon de la Plana 2000), Casa de Mateus (Portogallo,2002, 2003).

Dal 2004 è professore di clarinetto storico presso la Escola Superior de Música de Catalunya a Barcellona.

Ha inciso alcune opere significative del repertorio per clarinetto :  Mozart (Serenate KV 375&388, Gran Partita KV 370a, Quintetto KV 581 per clarinetto e archi, Concerto per clarinetto KV622, Divertimenti KV 439b per tre corni di bassetto), Beethoven (Ottetto op.103, Rondino op. Postuma), Vivaldi (Concerti con clarinetti), in collaborazione con l’Ensemble Zefiro, Ensemble Philidor, Quartetto Kuijken, Freiburger Barockorchester,  per case discografiche quali : Harmonia Mundi, Callyope, Astrée-Auvidis, Challenge, Sony.

laReverdie

laReverdie©Roberto Vernassa_mini

Nel 1986 due coppie di giovanissime sorelle fondano l’ensemble di musica medievale laReverdie: il nome, ispirato al genere poetico romanzo che celebra il rinnovamento primaverile, rivela forse la principale caratteristica di un gruppo che nel corso degli anni continua a stupire e coinvolgere pubblico e critica per la sua capacità di approccio sempre nuovo ai diversi stili e repertori del vasto patrimonio musicale del Medioevo europeo e del primo Rinascimento. Dal 1993 fa parte dell’ensemble il cornettista Doron David Sherwin. Attualmente il gruppo si esibisce in formazioni che vanno da tre a quattordici musicisti a seconda dei repertori, ed è sempre più interessato a collaborare con giovani musicisti incontrati durante lo svolgimento della loro attività didattica.

L’assidua ricerca e l’esperienza accumulata in quasi trent’anni di attività, hanno fatto de laReverdie un gruppo unico per l’affiatamento, l’entusiasmo e l’acclamato virtuosismo vocale e strumentale. laReverdie svolge una regolare e intensa attività concertistica in Italia e in diversi paesi esteri tra cui Svizzera, Germania, Austria, Inghilterra, Belgio, Olanda, Francia, Spagna, Portogallo, Slovenia, Polonia, Messico.

Ha registrato concerti e programmi radiofonici e televisivi in tutta Europa e in Messico.

Ha all’attivo una ventina di incisioni discografiche, di cui sedici con la casa discografica Arcana molte delle quali in co-produzione con WDR, insignite di numerosi premi della critica internazionale, fra cui il Diapason d’Or de l’année 1993 che ha lanciato la loro carriera. Gli ultimi Cd hanno ricevuto la nomination all’International Classical Music Awards (2010, 2014) per la categoria Early Music. Dall’estesa discografia de laReverdie è stato tratto integralmente il Cd dedicato al Medioevo per la collana I Classici della Musica pubblicato dal Corriere della Sera nel 2007.

La novità discografica 2015, “Venecie Mundi Splendor”, è dedicata al repertorio celebrativo per i dogi veneziani tra il 1330 e il 1430. Dal 1997 i suoi componenti sono impegnati in un’intensa attività didattica sul repertorio medioevale presso importanti istituzioni italiane e straniere tra cui: Corsi Internazionali di Musica Antica della FIMA, Masterclass presso Festival Trigonale (Austria), Civica Scuola di Musica Claudio Abbado di Milano, Staatliche Hochschule für Music Trossingen, Fondazione Benetton.

Ha collaborato, in progetti speciali, con Franco Battiato, Moni Ovadia, Carlos Nuñez, Teatro del Vento, Gerard Depardieu, Mimmo Cuticchio e David Riondino. Il progetto lanciato nella stagione 2016-2017 è dedicato a “Il Milione” di Marco Polo in collaborazione con David Riondino.

www.lareverdie.com

Alfredo Bernardini

Orchestra Fima

Nato a Roma nel 1961, si trasferisce in Olanda nel 1981 per specializzarsi in oboe barocco e musica antica al Conservatorio Reale dell’Aja con, tra gli altri, Bruce Haynes, Ku Ebbinge. Nel 1987 ottiene da quell’istituto il diploma da solista. Da allora suona regolarmente con i più prestigiosi complessi tra i quali Hesperion XX, Le Concert des Nations, La Petite Bande, Das Freiburger Barockorchester, The English Concert, Bach Collegium Japan.

Nel 1989 fonda il complesso di fiati ZEFIRO assieme ai fratelli Paolo ed Alberto Grazzi. L’attività concertistica l’ha portato in tutti i paesi d’Europa, negli Stati Uniti d’America, in America Latina, in Cina, Giappone e Israele. Ha partecipato ad una cinquantina di registrazioni discografiche, alcune delle quali ricompensate con importanti premi internazionali, come ad esempio il Cannes Classical Award 1995 per i concerti per oboe di Vivaldi.

Oltre a guidare ZEFIRO in formazione orchestrale, ha diretto diverse orchestre barocche in Italia, Spagna, Portogallo, Germania e Olanda e la European Union Baroque Orchestra in un tour in Cina, Spagna e Germania nel novembre 2001. Svolge inoltre attività di ricerca sulla storia degli strumenti a fiato – molti suoi articoli sono stati pubblicati da importanti riviste internazionali – e costruisce copie di oboi antichi.

Da molti anni insegna in diversi corsi estivi, tra cui Urbino, Venezia, Barbaste, Innsbruck, e dal 1992 è docente di oboe barocco presso il Conservatorio Sweelinck di Amsterdam e dal 2002 presso la Escola Superior de Musica de Cataluña a Barcellona.

Ensemble Odhecaton

Ensemble Odechaton - Photo @Marco Caselli Nirmal

The Italian vocal ensemble Odhecaton (pronounced Oh-DE-kah-tohn) owes its name to the first printed book of polyphony, published in 1501 by Ottaviano Petrucci in Venice, Italy: ‘Harmonice Musices Odhecaton’. The word Odhecaton is derived from the Greek words: odè (meaning ‘song’) and ècaton (meaning ‘100’). Harmonice Musices Odhecaton was a collection of some 100 songs.

The name was chosen for the Italian vocal ensemble largely because of its core repertoire, which encompassed the work of French and Flemish composers during the Italian musical renaissance of the 15th century, notably Jacob Obrecht, Josquin Desprez, and Loyset Compère. Since the group’s debut in 1998, the repertoire has grown to include early and contemporary works by a large spectrum of composers.

Directed by Paolo Da Col, Odhecaton brings together some of the best Italian male voices specialized in the performance of Renaissance and baroque music.

The ensemble has made recordings dedicated to the music of Gombert, Isaac, Josquin, Peñalosa and Compère, and has helped rediscover the repertoire of 17th-century Spanish and Portuguese composers active in the Canary Islands. These programmes have led to appearances in Europe’s leading festivals, and won them important recognition in the world of recording: ‘Diapason d’or de l’année’, ‘5 diapasons’,’Choc’ (Le Monde de la Musique), ‘Disco del mese’ (Amadeus and CD Classics), and ‘Cd of the Year’ (Goldberg).

Beyond its central repertoire, Odhecaton has also presented a semi-staged production of Orazio Vecchi’s Amfiparnaso (directed by Enrico Bonavera, with scenery by Lele Luzzatti), and a production of sacred music by Gesualde da Venosa. From 2008 forward, Odhecaton paid particular attention to the music of Palestrina, and recently released a recording of Roland de Lassus. The group also works occasionally with instrumentalists specialized in their repertoire, including Bruce Dickey and Concerto Palatino, Gabriele Cassone, Liuwe Tamminga, Paolo Pandolfo, Jakob Lindberg, La Reverdie, and Andrea De Carlo with Ensemble Mare Nostrum.

Ensemble Odhecaton

Ensemble Odechaton - Photo @Marco Caselli Nirmal

Sin dal suo esordio nel 1998, l’ensemble Odhecaton ha ottenuto alcuni dei più prestigiosi premi discografici e il riconoscimento, da parte della critica, di aver inaugurato nel campo dell’esecuzione polifonica un nuovo atteggiamento interpretativo, che fonda sulla declamazione della parola la sua lettura mobile ed espressiva della polifonia. L’ensemble vocale deriva il suo nome da Harmonice Musices Odhecaton, il primo libro a stampa di musica polifonica, pubblicato a Venezia da Ottaviano Petrucci nel 1501.

Il suo repertorio d’elezione è rappresentato dalla produzione musicale di compositori italiani, francesi, fiamminghi e spagnoli attivi tra Quattro e Seicento. Odhecaton riunisce alcune delle migliori voci maschili italiane specializzate nell’esecuzione della musica rinascimentale e preclassica sotto la direzione di Paolo Da Col.

L’ensemble ha registrato in cd programmi dedicati a musiche di Gombert, Isaac, Josquin, Peñalosa, Compère e alla riscoperta del repertorio dei compositori spagnoli e portoghesi attivi durante il Seicento nelle isole Canarie. Con questi programmi Odhecaton è ospite nelle principali rassegne di tutta Europa e ha ottenuto significativi riconoscimenti discografici: diapason d’or de l’année, 5 diapason, choc (Diapason e Le Monde de la Musique), disco del mese (Amadeus e CD Classics), cd of the Year (Goldberg).

Odhecaton ha inoltre in repertorio la rappresentazione semiscenica dell’Amfiparnaso di Orazio Vecchi (con la regia di Enrico Bonavera e scene di Lele Luzzati) e la produzione sacra di Gesualdo da Venosa. Dal 2008 Odhecaton ha rivolto grande parte del proprio impegno interpretativo alla musica di Palestrina. L’ensemble vocale si avvale occasionalmente della collaborazione di alcuni dei migliori strumentisti specializzati in questo repertorio, tra i quali Bruce Dickey e il Concerto Palatino, Gabriele Cassone, Liuwe Tamminga, Paolo Pandolfo, Jakob Lindberg, La Reverdie, Andrea De Carlo, e Ensemble Mare Nostrum.

Ensemble AbChordis

AbChordis Ensemble

AbChordis was founded in 2011 by ten talented musicians and friends seeking the same passionate, vibrant, exciting and authentic interpretation of music performed on period instruments and “historically informed”. These four singers and six instrumentalists started a scrupulous activity of research, with the goal of rediscovering unpublished or less performed scores of the Italian 17th and 18th Century. With their first project “Virgo Singularis”, the group was awarded a Jeune Ensemble en Résidence at the Cultural Centre of Ambronay, (France) and Ensemble en Residence at the Ghislieri College of Pavia (Italy).

AbChordis has performed in festivals like Ambronay Festival, “Les Riches Heures de Valère” Festival (Sion, Switzerland), “Pavia Barocca” and will perform in many others all over Europe in the upcoming season 2013-2014. AbChordis Ensemble was invited to perform during the REMA Showcase (Réséau Européen de la Musique Ancienne) in Marseille (France), March 2013, and after audience voting, have been invited to return to Marseille in March 2014 to perform as part of the “Mars en Baroque 2014″ festival. Winner of the Göttingen Händel Competition 2015.

AbChordis Ensemble conquered its public with its innovative programs and touching performances thus accomplishing the task of its latin name: “from the strings” …of our instruments, our voices and our hearts !

Ensemble AbChordis

AbChordis Ensemble

Abchordis Ensemble si esibisce nei più importanti festival d’Europa tra cui Ambronay Festival (Francia), “Mars en Baroque” di Marsiglia (Francia), “Les Riches Heures de Valère” (Sion, Svizzera), Internationale Händel-Festspiele di Göttingen (Germania), “Pavia Barocca”, “AnimaMea” e si esibirà in molti altri in tutta Europa nella prossima stagione 2015-2016. Abchordis è stato invitato e premiato allo Showcase del REMA 2013 (Réseau Européen de Musique Ancienne) ed è vincitore del Händel competion 2015 di Göttingen.

L’ensemble è stato fondato nel 2011 da dieci amici musicisti alla ricerca della stessa interpretazione appassionata, vibrante, emozionante e autentica della musica eseguita con strumenti d’epoca. Insieme, quattro cantanti e sei strumentisti, iniziano una scrupolosa attività di ricerca con l’obiettivo di riscoprire capolavori italiani inediti o poco eseguiti del secolo XVII e XVIII.

Con il primo progetto dal titolo “Virgo Singularis”, il gruppo ha vinto una Résidence presso il Centro Culturale di Ambronay (Francia) e presso il Collegio Ghislieri di Pavia (Italia) nel 2012 ed è stato rinvitato in residenza nei medesimi posti per l’anno 2015. Abchordis Ensemble ha conquistato il suo pubblico con programmi innovativi, toccanti e spettacolari assolvendo così al compito del suo stesso nome latino: “dalle corde”… dei nostri strumenti, delle nostre voci e del nostro cuore.

Alea Ensemble

Alea Ensemble

AleaEnsemble si è formato nel 2002 dal desiderio di eseguire il grande repertorio cameristico del classicismo e del romanticismo con strumenti d’epoca ed allo stesso tempo di riscoprire e valorizzare le composizioni di autori meno noti dello stesso periodo storico. Il nucleo è costituito attorno all’ideale equilibrio del quartetto d’archi che può essere talvolta arricchito da altri elementi (clavicembalo, fortepiano, chitarra, strumenti a fiato…). I suoi membri, considerati fra i migliori interpreti della nuova generazione, ricoprono il ruolo di prime parti in celebri ensembles di musica antica, Europa Galante, Accademia Bizantina, I Barocchisti, ed hanno consolidato la loro esperienza sugli strumenti antichi attraverso lo studio e la collaborazione abituale con specialisti come F. Biondi, O. Dantone, L. van Dael, S. Ritchie, G. Carmignola, ed ensembles prestigiosi quali Ensemble Zefiro, Amsterdam Baroque Orchestra, Europa Galante, Accademia Bizantina, I Barocchisti, Mozart Akademie, Concerto Köln, Les Talents Lyriques, Ensemble Aurora, Ensemble Concerto. I componenti di AleaEnsemble credono fermamente che l’applicazione della prassi esecutiva condotta attraverso lo studio diretto e comparato delle fonti (comprendenti le edizioni curate dai grandi musicisti del XIX secolo), possa offrire nuove importanti indicazioni per l’interpretazione del repertorio classico e romantico.

AleaEnsemble ha inciso per MV Cremona il Divertimento Kv563 di W.A. Mozart e i Sei Duetti Concertanti Op. post. per violino e viola di A.B. Bruni. La registrazione dei quartetti Op.2 di L. Boccherini, pubblicati da Stradivarius nel 2008, si sono imposti immediatamente all’attenzione della critica internazionale come esecuzione di riferimento, ed ha vinto premi quali “Diapason d’Or” e “Choc de Le Monde de la Musique”. Anche i quartetti per archi op.77 e op.42 di F.J. Haydn, pubblicati da Stradivarius nel novembre 2009, hanno riscosso grande apprezzamento da parte della critica.

AleaEnsemble ha anche effettuato un video per la Televisione della Svizzera Italiana sull’invenzione del quartetto visibile online sul sito internet della RSI.

Lincoln Almada

Lincoln Almada

E’ nato in Paraguay. Fin da molto giovane si dedica alla percussione suonando in diversi gruppi di banda tradizionale, formazione che rappresenta nel Paraguay la musica cittadina.
In seguito si dedica all’arpa, che rappresenta invece la musica della provincia, integrando tutta l’esperienza prima acquisita con lo studio e la pratica della percussione.
Portata in America Latina durante la conquista spagnola come mezzo di evangelizzazione dei missionari gesuiti, l’arpa resta ancora oggi lo strumento principe in Mexico, Ecuador, Colombia e Venezuela.
Diversamente che nei paesi già nominati, in Paraguay l’arpa è considerata strumento solista, avvalendosi di antiche tecniche da tempo dimenticate in Europa.
Lincoln Almada possiede queste tecniche, e le arricchisce unendo influenze europee contemporanee e di fusione.
Incorporando i ritmi della regione “guaraní” (Nord dell’Argentina, Paraguay e Sud del Brasile), della musica “llanera” (Venezuela e Colombia) e della musica “afro-latina” (Perù e Cuba) riesce a far vibrare il suo strumento attraverso il carattere della percussione.
Tiene concerti nelle più prestigiose sale di Europa, Canadá e Sudafrica, suonando tra gli altri con i maestri: Adama Drame (Burkina-Faso), Raúl Barboza (Argentina), Giovanni Imparato (Italia), Vincenzo Zitello (Italia), Christina Pluhar (Austria) e tanti altri.
Lincoln Almada insegna in workshop in tutta Europa dedicati all’interpretazione della musica latino-americana e all’improvvisazione (Leuven-Belgio, Basilea-Svizzera, Huesca-Spagna, Zaandam-Olanda, Conservatoire de musique de Toulouse).
Nel 2010 è diventato direttore e coordinatore della scuola di Arpa Popolare di Viggiano, culla della tradizione arpistica italiana.

Evangelina Mascardi

Evangelina Mascardi_mini

Evangelina Mascardi è considerata una tra i migliori liutisti attivi nel panorama concertistico internazionale per la maturità interpretativa, la prodigiosa ricchezza del suono e la non comune solidità tecnica.

È nata a Buenos Aires (Argentina) nel 1977, dove studia chitarra con Gabriel Schebor e Silvia Fernandez presso la Escuela Nacional de musica J. P. Esnaola conseguendo il diploma di Maestra Nacional de Musica. Giovanissima avvia la sua attività concertistica come chitarrista e vince nel 1995 il concorso “Jovenes Guitarristas Argentinos”. Nel 1997 si trasferisce in Europa per studiare il liuto con il M° Hopkinson Smith nella Schola Cantorum Basiliensis, dove ottiene il Solisten Diplom nel 2001. Vince la borsa di studi “Jünge Künstler unter 25 Jahre Alt” concessa dalla Fondazione Fritz Gerber di Zurigo per giovani artisti.

Trasferitasi in Italia ottiene il diploma di liuto presso il Conservatorio di Musica Benedetto Marcello di Venezia. Per oltre un decennio ha suonato come continuista diretta, tra gli altri, da Jordi Savall (Hespèrion XXI), Marc Minkowsky (Les Musiciens du Louvre), Andrea Marcon (Venice Baroque Orchestra), Chiara Banchini (415), Simon Rattle (Berliner Philarmoniker). Con questi e altri ensemble ha registrato oltre 30 CD per Naïve, Harmonia Mundi, Archiv, Alpha, Zig-Zag Territoires, Deutsche Grammophon, Sony Classical.

Ha partecipato inoltre a diverse produzioni d’opera nei seguenti teatri: Carnegie Hall e Brooklyn Academy of Music in New York, Teatro Colon de Buenos Aires, Tokyo Opera Hall, Teatro La Fenice, Théatre de Bordeaux, Frankfürter Opera, Theater Basel, Opera Nationale de Paris, Oper Frankfurt, Champs-Elysées (Parigi), Chateaux de Versailles, Teatro Ponchielli (Cremona) e altri.

Attualmente ha circoscritto la sua collaborazione all’Ensemble Zefiro (Alfredo Bernardini), Giardino Armonico (Giovanni Antonini) e Monteverdi Choir (Sir John Eliot Gardiner) per concentrarsi principalmente sul repertorio solistico.

Come solista è stata invitata in importanti festival europei di musica antica: Fringe (Barcellona), Jünge Künstler (Norimberga), Concentus (Brno), Resonanzen (Vienna), Lauten Abende (Basel), Luth et Theorbe (Genêve), Early Music Festival (London), Festival di Musica Antigua (Daroca), Forum Musicum (Breslau), e chitarristici (Treviso, Santander, Castell’Arquato, Pordenone).

Ha registrato 3 CD solistici: Weiss-Bach (ORF345 2003), Sylvius Leopold Weiss (ORF3121) e Ferita d’amore (ARCANA368 2011), dedicato alle composizioni di Bellerofonte Castaldi, ricevendo il Diapason Découverte concesso dalla rivista francese Diapason, il Supersonic della Rivista Pizzicato, e la nomina tra i “Recordings of the year 2012”.

Il nuovo CD sarà dedicato al repertorio rinascimentale italiano. È docente di liuto presso la Musikhochschule di Monaco di Baviera. Alla sua attività concertistica affianca quella di coordinamento dei corsi ‘Ottaviano Alberti’ di musica antica in collaborazione con l’Associazione Incontri Mediterranei di Orte (VT), città in cui attualmente vive

European Union Baroque Orchestra

eubo_mini

Cultural Ambassador for the European Union

The European Union Baroque Orchestra is like no other orchestra: its modus operandi since its foundation in 1985 has been to audition and select new personnel annually. EUBO’s ephemeral existence makes its concerts special: live performances enjoying all the technical accomplishment of the best young baroque musicians in Europe, allied to an infectious undimmed sense of discovery and enjoyment. “The skilful playing of this extraordinary pan-European orchestra…augurs well for the future of Baroque music-making in Europe.” (International Record Review 2014)

Members of EUBO come from all over the EU to gain performing experience, working together under the inspirational leadership of Music Director Lars Ulrik Mortensen and some of the world’s finest baroque musicians. Ton Koopman, Margaret Faultless, Enrico Onofri, Rachel Podger, Riccardo Minasi, Paul Agnew, Gottfried von der Goltz and Stefano Montanari have all been guest directors in recent seasons.

Tours take the talented young orchestra to all corners of Europe – from celebrated city concert halls, to seaside summer festivals, to monasteries nestling in autumnal forests, and to winter celebrations in beautiful churches. And at the centre of these great arcs of European travelling EUBO has established residencies in several cities, most notably as “orchestra-in-residence” in Echternach, Luxembourg, where, with the support of its local partners, it is creating a centre of excellence for baroque music.

Over the years EUBO has recorded several CDs, the last four under the direction of Lars Ulrik Mortensen. The CD release ‘Peace & Celebration’, featuring choral and orchestral works by Handel, was recorded live in concert in London with the Choir of Clare College, Cambridge, in September 2013. Gramophone magazine praised “the refreshing spontaneity of this live recording. The rapturous dialogue of Mortensen and his youthful crew…put some more experienced Baroque bands to shame.” EUBO’s recording ‘Pure Handel’ with soprano Maria Keohane was shortlisted for the 2014 Gramophone Awards: “a generous celebration of this estimable organisation’s (EUBO) continuing high achievement. These are live-wire performances, technically excellent and propelled with exactly the right degree of driving energy…” Gramophone August 2014.

Between 2015 and 2018, the activities of EUBO are an integral part of ‘EUBO Mobile Baroque Academy’ (EMBA), a Creative Europe co-operation project, co-funded by the European Union and organised by EUBO and its nine partners. The orchestra has been honoured with the status of Cultural Ambassador for the European Union in perpetuity. Flying the flag for Europe, “EUBO is” as former EC President Barroso says, “a perfect symbol of the power of integration, a subtle and potent instrument of harmonisation between people and nations”.

Lars Ulrik Mortensen

lars_ulrik_mortensen_credit_kim_wendt_720x480_mini

Inizia a studiare clavicembalo e basso figurato a Copenaghen alla Royal Danish Academy of Music, proseguendo poi a Londra con Trevor Pinnock.

Fa parte come clavicembalista degli ensemble di musica barocca London Baroque (dal 1988 al 1990), e Collegium Musicum 90 (dal 1990 al 1993).

Dal 1991 al 1999 è direttore artistico dell’orchestra barocca Concerto Copenaghen[1], con cui lavora al Royal Opera di Copenaghen[2]; dal 2004 è direttore artistico della European Union Baroque Orchestra.

La sua carriera concertistica si divide tra l’attività di direttore d’orchestra, quella di clavicembalista solista e quella di musicista da camera insieme con altri artisti: con il violinista John Holloway e il violoncellista David Watkin ha costituito il Trio Veracini. Accompagna frequentemente al clavicembalo il soprano Emma Kirkby, con la quale ha registrato alcune opere di Buxtehude, e il violoncellista Jaap ter Linden.

Le sue numerose registrazioni, alcune realizzate anche con The English Concert, sono dedicate in gran parte all’opera dei musicisti barocchi, da Bach a Buxtehude, da Vivaldi a Haydn, ed hanno ottenuto vari riconoscimenti internazionali.

È stato nominato “Musicista danese dell’anno” nel 2000, e ha ricevuto il premio francese Cannes Classique nel 2001 e il premio danese Musica nel 2002. L’incisione delle Variazioni Goldberg è stata premiata con il Diapason d’Or.

Nel 2007 ha ricevuto il premio Leonie Sonning’s Music Prize e il Danish Music Awards Classical “Orchestral CD of the year” per l’incisione dell’opera dei poco conosciuti compositori tedeschi Johan-Gottfried W. Palschau e Johann Abraham Peter Schulz.

Nel 2010 ottiene il Grammy Awards per il CD delle Cantate di Bach, con il mezzosoprano Anne Sofie von Otter.

Ensemble Bella Gerit

Ensemble Bella Gerit

Ensemble BELLA GERIT
Simone Sorini, Cantore al liuto – direzione, voce narrante, canto, liuto, ribeca
Claudia Viviani – canto, salterio, arpa, percussioni
Daniele Bernardini – flauti rinascimentali, flauto con tamburo, cornamusa
Gianni La Marca – viola

L’Ensemble Bella Gerit, diretto da Simone Sorini, si occupa dei repertori musicali Rinascimentali del Ducato di Urbino, della loro riscoperta e interpretazione filologica nonché dello studio sugli strumenti musicali antichi condotto attentamente sulle molteplici iconografie locali.
Supportato dall’omonima Associazione Culturale, ha dato vita ad una collana di opere discografiche inedite realizzate dai manoscritti musicali appartenuti alla biblioteca Ducale, con il dichiarato intento di restituire alla storia della musica europea Urbino e i nomi dei suoi Duchi (Montefeltro prima e Della Rovere in seguito) e di recuperare la grande tradizione musicale di quella che fu una delle Corti più floride di tutto il XV secolo, dove “concorrevano ogni sorta d’uomini piacevoli e li più eccellenti in ogni facoltà che in Italia si trovassimo”. (da il “Cortegiano” – 1528, di Baldassarre Castiglione)

Concerto Palatino

concerto-palatino_mini

I nomi Bruce Dickey e Charles Toet sono praticamente sinonimo della rinascita moderna del cornetto e del trombone barocco e sono in gran parte coinvolti negli enormi progressi  negli ultimi 20 anni negli standard esecutivi di questi strumenti. In una collaborazione di circa 25 anni, hanno insieme formato un’intera generazione di cornettisti e trombonisti, molti dei quali sono diventati membri regolari del Concerto Palatino.

Con il nucleo costituito da due cornetti e tre tromboni, questa formazione è spesso ampliata mediante l’aggiunta di ottoni, stringhe o cantanti come necessario. Gran parte del loro repertorio è sacro, come è naturale, dato che questi strumenti erano un elemento fisso di cappelle musicali sia nel Sud cattolico e il nord protestanti, a partire dal momento della prima fioritura della polifonia fiamminga, nei primi anni del 16 ° secolo, fino agli anni del tramonto, all’epoca di J. S. Bach, uno degli ultimi compositori ad impiegarli.

Concerto Palatino collabora frequentemente con altre formazioni di primo piano quali Cantus Cölln (Konrad Junghänel), Collegium Vocale Gent (Philippe Herreweghe), La Dolcezza (Veronika Skuplik), l’Amsterdam Baroque Orchestra (Ton Koopman), e il Bach Collegium Japan (Masaki Suzuki ).

Concerto Palatino si dedica normalmente alla riscoperta di gemme trascurate della storia della musica, dando loro un posto nella sala concerti e registrandole accanto alle opere di maestri affermati. Così, oltre a registrazioni acclamato di Schütz, Gabrieli e Monteverdi, hanno realizzato prime registrazioni del Vespro mariano di Francesco Cavalli,  della Missa Maria Concertata di Christoph Strauss, e della Palestrina Missa sine nomine conservato in un manoscritto di J. S. Bach. Le loro numerose registrazioni per EMI Reflexe, Accent, Harmonia Mundi e Francia hanno ricevuto lusinghieri consensi. In particolare, una importante serie di registrazioni insieme con Cantus Cölln (Vespri di Monteverdi e Rosenmüller, Schütz ‘Psalmen Davidsand Symphoniae sacrae, la Selva morale e spirituale di Monteverdi) ha vinto numerosi premi prestigiosi.

Foto © Sabrina Flauger

Paul O’ Dette

odette

E’ stato riconosciuto come “il più grande genio che abbia mai suonato questo strumento” (Toronto Globe and Mail).

Ha svolto concerti per Festival Internazionali a Los Angeles, Vancouver, Berkeley, Londra, Bath, Parigi, Montpellier, Amsterdam, Utrecht, Berlino, Monaco, Brema, Vienna, Praga, Milano, Madrid, Barcellona, Copenhagen, Oslo, Cordoba, Montevideo, Buenos Aires, Melbourne, Tokyo spesso invitato come ospite “straordinario” dei più importanti Festival.

Unanimemente riconosciuto un grandissimo virtuoso nelle registrazioni e nei concerti da solista, Paul O’Dette svolge un’intensa carriera internazionale suonando con artisti del calibro di Jordi Savall, Gustav Leonhardt, Nikolaus Harnoncourt, William Christie, Christopher Hogwood, Sylvia McNair, Andrew Parrott, Nicholas McGegan, Nigel Rogers, Tafelmusik ecc., fa inoltre parte dell’acclamato ensemble Tragicomedia.

Ha effettuato più di 100 registrazioni, molte delle quali hanno ricevuto prestigiosi premi internazionali come il Gramophone “Premio come miglior disco dell’anno” o il “Diapason D’oro”. “The Royal Rewters” è stato riconosciuto dalla critica come “Uno Choc nel mondo della Musica” , ha ottenuto inoltre 5 stelle nel BBC Music Magazine, 5 stelle in Golberg e il punteggio di 10 nel Classicstoday.com. Ha svolto moltissime registrazioni televisive in tutto il mondo tra le quali ricordiamo la BBC (Gran Bretagna), RAI (Italia) SFB (Germania), CBS (USA) ecc.

Recentemente si è dedicato alla direzione d’orchestra, dirigendo varie opere tra le quali l’Orfeo di Luigi Rossi, l’Ercole Amante di Cavalli, l’Orfeo e l’incoronazione di Poppea di Claudio Monteverdi con molte orchestre come la Portland Baroque Orchestra, Tafelmusik, Apollo’s Fire, Ensemble Arion, Chatham Baroque e Corona Artis.

Oltre all’attività di concertista Paul O’Dette svolge un intensa attività di ricerca sulla pratica del basso continuo, canzoni e tecnica liutistica del diciasettesimo secolo in Italia ed in Inghilterra. A risultato di questa ricerca saranno pubblicati quattro volumi in coproduzione con Patrick O’Brien.

Ha inoltre pubblicato numerosi articoli sulla tecnica esecutiva liutistica, ed il suo saggio su Dowland è stato pubblicato per il New Grove Dictionary of Music and Musicians.

Paul O’Dette è professore di liuto e Direttore di Musica Antica alla Eastman School of Music.

António Carrilho

AntonioCarrilho_TacoVanDerWerf_05a

António Carrilho sviluppa una intensa carriera come solista com un repertorio che va dal Medio Evo ai nostri giorni. Il suo gusto eclettico lo porta ad ideare progetti pluri-disciplinari, coinvolgendo musicisti, attori, ballerini e spettacoli multimediali.
Come solista si è esibito in concerto con le orchestre: Gulbenkian, Sinfonica Portuguesa, Orquestra Metropolitana de Lisboa, Orchestrautopica, Den Norsk Katedralenensemblet (Norvegia), Sinfonietta de Lisboa, Divino Sospiro, Sinfonica da Póvoa de Varzim, Orquestra Barroca de Nagoya (Giappone), Orquestra de Cascais e Oeiras, Concerto Balabile (Holanda) e è stato premiato ai Concorsi Internazionali Recorder Moeck Solo Competition (Inghilterra), e Recorder Solo Competiton of Haifa (Isdraele).
È invitato regolarmente in festival importanti in Europa, America e Asia. Collabora con diversi gruppi di musica antica, contemporanea e world music in Portogallo, Spagna, Olanda, Giappone, USA e Belgio.
Si esibisce regolarmente con: La Paix du Parnasse (Spagna); Syrinx : XXII (USA); Ciudate (Olanda), insieme al tenore Marcel Beekman; MudançAEnsemble; in duo con Borealis ensemble con la fortepianista Helena Marinho; in trio Due clavicembali e un flauto con Marcos Magalhães e Marta Araújo e TransfiguratiØensemble con Catherine Strynckx.

È Professore Aggiunto presso la ESART – Escola Superior de Artes Aplicadas -, con la cattedra di Flauto dolce e Musica da Camera. È regolarmente invitato a dare Masterclass nel Corso di Musica Antica di Urbino e nei Corsi Internazionali di Musica Antica di Arija – Burgos (Spagna) dov’è anche co-organizzatore; ha tenuto corsi e orientato stages in Portogallo, Olanda, Germania, Italia, India, Giappone e Brasile.
Ha inciso per la Encherialis; per la Numérica; per la Naxos; Per il Ministero della Cultura dello Stato di Amazonas (Brasile); DGartes/ MPMP e altri.
Ha diretto: Dido and Aeneas di Purcell, La descente d´Órphée aux enfers di Charpentier, La Serva Padrona di Pergolesi, La Dirindina di Scarlatti, Don Quijotte chez la Duchese di Boismortier, Venus and Adonis di John Blow e Arlechinatta di Salieri e várie cantate di Bach e Telemann.

https://www.onepoint.fm/antoniocarrilho/
antoniocarrilho.wordpress.com

Foto © Taco Van Der Werf

Paul O’ Dette

odette

The American lutenist, conductor, and music researcher, Paul O’Dette, began playing classical guitar, and while in high school also played electric guitar in a rock band in Columbus, Ohio, where he grew up. He eventually adopted the lute (as well as the related archlute, theorbo, and Baroque mandolin) as his primary instruments, and primarily specializes in the performance of Renaissance and Baroque music. He studied early music at the Schola Cantorum Basiliensis, Basel, Switzerland; medieval and Renaissance performance practice with Thomas Binkley and the Studio der Fruhen Musik; guitar with Christopher Parkening and Michael Lorimer; lute with Eugen Dombois.

One of the most influential figures in his field, Paul O’Dette has helped define the technical and stylistic standards to which 21st-century performers aspire. He has performed at major international festivals all over the world, including Boston, Los Angeles, Vancouver, Berkeley, Utrecht, London, Bath, Paris, Montpellier, Bremen, Dresden, Munich, Berlin, Frankfurt, Leipzig, Vienna, Prague, Milan, Geneva, Barcelona, Copenhagen, Oslo and Melbourne.

Though best known for his recitals and recordings of virtuoso solo lute music, Paul O’Dette maintains an active international career as an ensemble musician and continuo player as well, performing with today’s most respected conductors and ensembles, such as Jordi Savall, Gustav Leonhardt, Nikolaus Harnoncourt, William Christie, Christopher Hogwood, Andrew Parrott, Nicholas McGegan, Tafelmusik, The Parley of Instruments and The Harp Consort. He is also a member of Tragicomedia, a continuo ensemble acclaimed for its recordings and concerts of 17th-century operas, cantatas, and oratorios.

Recently Paul O’Dette has been active conducting Baroque operas. In 1997, together with Stephen Stubbs, he led performances of Luigi Rossi’s L’Orfeo at Tanglewood, the Boston Early Music Festival and the Drottningholm Court Theatre in Sweden, while in 1999 they directed performances of Cavalli’s Ercole Amante at the Boston Early Music Festival, Tanglewood, and the Utrecht Early Music Festival and Provenzale’s La Stellidaura Vendicata at the Vadstena Academy in Sweden. The 2000-2001 season included productions of Monteverdi’s Orfeo for the Vancouver Festival and Lully’s Thesee for the Boston Early Music Festival.

Paul O’Dette has taken part in more than 100 solo and ensemble recordings for Harmonia Mundi, Philips, Decca, Sony, Hyperion, Telefunken, Astree, Virgin Classics, EMI, Arabesque, Nonesuch, BIS, and BASF. His recordings have been nominated for Gramophone magazine’s Record of the Year Award and have been recognized with multiple Grammy nominations, including: Grammy Award for a CD of Purcell Songs with Sylvia McNair (1996); Grammy nomination for conducting in a recording of Johann Georg Conradi’s Ariadne (2005); Grammy nomination for Bacheler: The Bacheler’s Delight (2006). Each volume of his acclaimed series of John Dowland’s Complete Lute Works received the prestigious French Diapason d’Or, and the 5-CD boxed set received the Diapason d’Or Of The Year Award (1995, 1997). His discography includes “Le Secret des Muses” (music of Nicolas Vallet) and “The Royal Lewters” (music of Henry VIII and Elizabeth I’s favorite lutenists), which garnered a CHOC du Monde de la Musique, a Diapason d’Or (2003) and the Preis der Deutschen Schallplattenkritik. He has also broadcast for the ABC (Australia), BBC (UK), CBC (Canada), Radio France, RAI (Italy), Westdeutscher Rundfunk (Cologne), Bayerischer Rundfunk (Munich), SFB (Berlin), NOS (Holland), Austrian Radio, Spanish Radio and Television, TV Ankara, Hungarian Television, Norwegian Radio, Danish Radio and Television, Swedish Television, Swiss Radio and Television, National Public Radio (USA) and CBS Television (USA).

In addition to his activities as a performer, Paul O’Dette is an avid researcher, having worked extensively on the performance and sources of 17th-century Italian and English solo song, continuo practices and lute technique, the latter resulting in a forthcoming book co-authored by Patrick O’Brien. He has published numerous articles on on Renaissance and Baroque Performance Practice and co-authored the Dowland entry in the forthcoming update of the New Grove Dictionary of Music and Musicians. Together with Stephen Stubbs, he is writing a book on Baroque vocal practice.

Paul O’Dette was resident at Oberlin Conservatory (1978), Washington University (1982), Wiener Musikhochschule (1987), UCLA (1989), Bremen Musikhochschule (1989-1994), and Indiana University (1995-1996). He has served as Professor of Lute and Director of Early Music at the Eastman School of Music in New York since 1976, and is Artistic Director of the Boston Early Music Festival. In this institute he also serves as Professor of Conducting & Ensembles; Affiliate Faculty – Musicology; and Director of Collegium Musicum. In addition he gives regular master-classes, and lectures throughout Europe, North America, Japan, Australia, Russia and South America, including radio and television broadcasts throughout these countries. He lives in Rochester, New York with his wife, son and daughter.

Accademia Ottoboni

accademia-ottoboni-mini

Accademia Ottoboni is an ensemble specialized in baroque and classical repertoire, playing on historical instruments. Founded in Rome in 2004, it gathers the soloist and orchestral experiences of some among the most active musicians on the international scene.

From 2005 to 2009 it has been Ensemble in Residence for the early music season of the IPSAR (Portuguese Cultural Institute in Rome). The three CDs released until now – Concerts and Cantatas by Vivaldi (Stradivarius); Cello Sonatas by Vivaldi (Outhere – Music); Chamber Music by Boccherini (Outhere – Music) – have been much appreciated both by audience and critic, receiving many prizes such as two “Diapason d’Or”, “Gramophone Editor’s Choice”, “CD of the month – Toccata Magazine”.

The last cd, dedicated to L. Boccherini’s chamber music (Outhere-Music) has been awarded a Diapason d’Or – from the French magazine Diapason – as the best recording of the year (2015) in the section “Baroque Instrumental” . Accademia Ottoboni has performed in many Festivals and early mucis seasons all over France, Italy and Spain.

Enrico Baiano

???????????????????????????

Enrico Baiano è oggi considerato uno dei più completi ed interessanti interpreti sulla scena della musica antica. Nel suo approccio interpretativo si combinano sapientemente rigore storico-stilistico, libertà espressiva e grande virtuosismo.
Nato a Napoli nel 1960, dopo essersi brillantemente diplomato in Pianoforte e Com-posizione presso il Conservatorio ‘S. Pietro a Majella’ di Napoli si è specializzato in clavi-cembalo, clavicordo e fortepiano con Emilia Fadini presso il Conservatorio ‘G. Verdi’ di Milano.
Ha registrato otto CD per l’etichetta ‘Symphonìa’, ora in corso di ripubblicazione per le etichette Pan Classic e Glossa, tutti accolti entusiasticamente dalla critica e più volte premiati; un altro CD dedicato alle Sonate di Scarlatti, recentemente pubblicato dall’etichetta Stradivarius, ha vinto il Premio Speciale della Critica Classica di “Musica & Dischi” come miglior album 2013 nella sezione “classica strumentale italiana”.
Ha preso parte a diverse trasmissioni televisive e radiofoniche italiane ed estere e a due film-documentario del regista Francesco Leprino: “Sul nome B.A.C.H.” e “Un gioco ardito” (su Dome-nico Scarlatti).
Tra le sue pubblicazioni ricordiamo: Metodo per clavicembalo, edito da Ut Orpheus e tradotto in cinque lingue; Le Sonate di Domenico Scarlatti (in collaborazione con Marco Moiraghi), edito da LIM – Libreria Musicale Italiana; Il discorso musicale, in La narrazione al plurale (a cura di S. Messina), edito da Gaia.
Enrico Baiano tiene regolarmente corsi per la Fondazione Italiana per la Musica Antica (corsi internazionali di Urbino), per l’associazione L’Architasto di Roma e per la società di musica antica Origo et Practica di Tokyo.
E’ docente di clavicembalo, clavicordo e fortepiano presso il Conservatorio ‘Domenico Cimarosa’ di Avellino.

António Carrilho

Foto (c) Taco Van Der Werf

António Carrilho sviluppa una intensa carriera come solista com un repertorio che va dal Medio Evo ai nostri giorni. Il suo gusto eclettico lo porta ad ideare progetti pluri-disciplinari, coinvolgendo musicisti, attori, ballerini e spettacoli multimediali.
Come solista si è esibito in concerto con le orchestre: Gulbenkian, Sinfonica Portuguesa, Orquestra Metropolitana de Lisboa, Orchestrautopica, Den Norsk Katedralenensemblet (Norvegia), Sinfonietta de Lisboa, Divino Sospiro, Sinfonica da Póvoa de Varzim, Orquestra Barroca de Nagoya (Giappone), Orquestra de Cascais e Oeiras, Concerto Balabile (Holanda) e è stato premiato ai Concorsi Internazionali Recorder Moeck Solo Competition (Inghilterra), e Recorder Solo Competiton of Haifa (Isdraele).
È invitato regolarmente in festival importanti in Europa, America e Asia. Collabora con diversi gruppi di musica antica, contemporanea e world music in Portogallo, Spagna, Olanda, Giappone, USA e Belgio.
Si esibisce regolarmente con: La Paix du Parnasse (Spagna); Syrinx : XXII (USA); Ciudate (Olanda), insieme al tenore Marcel Beekman; MudançAEnsemble; in duo con Borealis ensemble con la fortepianista Helena Marinho; in trio Due clavicembali e un flauto con Marcos Magalhães e Marta Araújo e TransfiguratiØensemble con Catherine Strynckx.

È Professore Aggiunto presso la ESART – Escola Superior de Artes Aplicadas -, con la cattedra di Flauto dolce e Musica da Camera. È regolarmente invitato a dare Masterclass nel Corso di Musica Antica di Urbino e nei Corsi Internazionali di Musica Antica di Arija – Burgos (Spagna) dov’è anche co-organizzatore; ha tenuto corsi e orientato stages in Portogallo, Olanda, Germania, Italia, India, Giappone e Brasile.
Ha inciso per la Encherialis; per la Numérica; per la Naxos; Per il Ministero della Cultura dello Stato di Amazonas (Brasile); DGartes/ MPMP e altri.
Ha diretto: Dido and Aeneas di Purcell, La descente d´Órphée aux enfers di Charpentier, La Serva Padrona di Pergolesi, La Dirindina di Scarlatti, Don Quijotte chez la Duchese di Boismortier, Venus and Adonis di John Blow e Arlechinatta di Salieri e várie cantate di Bach e Telemann.

https://www.onepoint.fm/antoniocarrilho/
antoniocarrilho.wordpress.com

Foto © Taco Van Der Werf

Luca Guglielmi

Luca Guglielmi
photo : Marco Borggreve

Clavicembalista, organista, compositore e direttore d’orchestra. All’attività concertistica in tutto il mondo alterna l’insegnamento in corsi di perfezionamento e masterclass in Italia e all’estero. Frequenti le collaborazioni con Jordi Savall, Cecilia Bartoli, Giuliano Carmignola, Paolo Pandolfo, Katia e Marielle Labéque, l’Ensemble Zefiro, l’Ensemble La Fenice, l’OSN Rai. Più di cinquanta registrazioni discografiche da solista e in ensemble, su Cd e Dvd, per le più prestigiose case discografiche (Decca, Teldec, cpo, Accent, Stradivarius, Vivat, Elegia, ORF). È professore di clavicembalo, fortepiano, basso continuo e tastiere storiche presso la Escola Superior de Musica de Catalunya (ESMuC), Barcelona.

www.lucaguglielmi.com

 

Accademia Ottoboni

accademia-ottoboni-mini

L’Accademia Ottoboni è un ensemble specializzato nel repertorio barocco e classico su strumenti originali. Nato a Roma nel 2004, riunisce le esperienze solistiche ed orchestrali di alcuni tra i musicisti maggiormente attivi sulla scena internazionale.

Dal 2005 al 2009 è stato gruppo residente presso la stagione di musica antica dell’ IPSAR (Istituto di Cultura Portoghese a Roma). I 3 CD pubblicati fino ad ora – Concerti e Cantate di Vivaldi (Stradivarius); Sonate per Violoncello e b.c. di Vivaldi (Outhere-Music); Musica da camera di Boccherini (Outhere-Music)- hanno riscosso un grandissimo consenso della critica e del pubblico: 2 Diapason d’ Or, Gramophone Editor’s Choice, Miglior disco del mese per la rivista tedesca Toccata, ecc..

L’ultimo Cd dedicato alla musica da camera di L.Boccherini (Outhere-Music) è stato premiato con il Diapason D’or come miglior disco dell’ anno (2015) nella sezione “Baroque Instrumental” dalla rivista francese Diapason.

Accademia Ottoboni si è esibita in Festivals e Stagioni Musicali in Italia, Francia e Spagna.

Lia Serafini

lia-serafini_mini

Soprano dalla voce agile ed espressiva, nella sua lunga carriera internazionale è stata diretta dai più grandi artisti che hanno improntato di sé la rinascita e la valorizzazione della musica antica. Attualmente collabora con il Maestro catalano Jordi Savall, con il “Concerto Italiano” di Rinaldo Alessandrini, con il “Concerto Romano” di Alessandro Quarta e con la cembalista Paola Erdas.

Innumerevoli le sue apparizioni nei più importanti Festival e nelle sedi più prestigiose in Europa, Stati Uniti e Canada. Tra le sedi più recenti: Citè de la Musique e Salle Pleyel a Parigi, Festival Oudemuziek a Utrecht, Festival d’Ambronay, Wiener Konzerthaus a Vienna, KKL Lucerne e Rose Theater del Lincoln Center a New York.

La sua versatile attività l’ha vista protagonista al Teatro Olimpico di Vicenza di un vasto ciclo di opere di G.F.Haendel, e interprete di ruoli principali in opere di C. Monteverdi, J. Peri, G. Legrenzi, C.W. Gluck, B. Galuppi, spesso seguite da incisioni discografiche.

È inoltre interprete esperta di Oratorio barocco e di Musica vocale da camera. Ha al suo attivo numerose partecipazioni in registrazioni radiofoniche e televisive, e una vasta discografia. Tra le ultime incisioni ricordiamo:

  • per Arcana la collaborazione al premiatissimo CD di Paola Erdas “La Tecla de L’Alma”,
  • per Naïve gli ultimi CD di Rinaldo Alessandrini con il “Concerto Italiano”;
  • per AliaVox e TV3 il triplo CD-book “Història Borja” diretto da Jordi Savall, vincitore del “Grammy Awards” nella categoria: “Best Small Ensemble Performance”;
  • per Naxos il doppio CD con tutti i brani editi e inediti di H. Villa-Lobos, in duo col giovane chitarrista Andrea Bissoli.

Ha inoltre partecipato con la musica di D. Ortiz al documentario “Un Canto Lontano”, vincitore della 65° Mostra alla Biennale di Venezia. Il 21 Marzo 2015, Giornata Europea della Musica Antica, è stata scelta come rappresentante del barocco italiano, cantando in diretta a Radio3 Suite.

Da sempre appassionata di didattica, si sta distinguendo per il riconosciuto livello della sua scuola. Il suo metodo di insegnamento, senza discostarsi dalla tradizione, integra principi di coordinazione, equilibrio ed armonia del respiro secondo la Tecnica messa a punto da F. M. Alexander, della quale è insegnante diplomata. Viene spesso invitata a tenere Masterclass presso prestigiose istituzioni e a far parte di commissioni in Concorsi nazionali ed internazionali.Insegna Canto Rinascimentale e Barocco presso il Conservatorio di Musica “F. Bonporti” di Trento.

O Quam Magnificum

Ensemble BELLA GERIT (Simone ed Enea Sorini, Giuliana  Maccaroni)

La Musica Sacra ad Urbino nel Rinascimento

Programma

Vincenzo Pellegrini
Canzon detta La Nora
(dal 1° Libro delle Canzoni  – dedicato alla Duchessa Livia della Rovere, 1599)

Elimot
Nuptiae factae sunt
(dal Medici Codex, 1518)

Jacotin
Rogamus te Virgo Maria
(dal Medici Codex, 1518)

Johannes de la Fage
Elizabeth Zacharie
(dal Medici Codex, 1518)

Francesco Lupino
O Quam Magnificum
(dal 1° Libro dei Mottetti a 4 voci – Dedicato al Cardinale Giulio Feltrio della Rovere, 1549)

Dominique Phinot
Salve Regina
(dai 1° Libro dei Mottetti a 5 voci – Dedicato al Duca Guidubaldo II della Rovere,1554)

Vincenzo Pellegrini
Canzon detta La Gentile
(Dal 1° Libro delle Canzoni – dedicato alla Duchessa Livia della Rovere, 1599)

Giovan Battista Corvo
Venite et Ascendemus
(dai Responsori a 4  voci – Dedicato al Duca Guidubaldo Feltrio della Rovere, 1556)

Leonard Meldert
Christus est natus nobis – Invitatorium ad matutinum in Nativitate Domini
Hodie nobis coelorum rex – Responsorium 1
Hodie nobis descendit – Responsorium 2
(dai Responsiori a 4 voci)

Vincenzo Pellegrini
Canzon detta La Serafina
(Dal 1° Libro delle Canzoni – dedicato alla Duchessa Livia della Rovere, 1599)

Leonard Meldert
Magnificat

Vincenzo Pellegrini
Vincenti Dabo
(dal Parnassus, raccolta di Motteti a 1, 2, 3, 4 e 5 voci dei Musici dell’Arciduca Ferdinando d’Austria, 1615)

 

Be or Not to Be (Classic)

accademia-ottoboni-mini

Programma

L. Boccherini
Quintetto op. 19 in Sol minore
Allegretto con poco moto – Minuetto

W.A. Mozart
Quartetto KV 285b in Do maggiore
Allegro – Tema con variazioni

W.A. Mozart
Quartetto KV 285 in Re maggiore
Allegro – Adagio – Rondeau

L. Boccherini
Quintetto Op 55 in Re minore
Allegretto comodo assai – Minuetto

Gli Interpreti:
Accademia Ottoboni
Manuel Granatiero, flauto
Helena Zemanova, violino
Ayako Matsunaga, violino
Teresa Ceccato,viola
Marco Ceccato, violoncello
Dove:
Urbino, Salone Raffaello

La Spada e le Muse

Ensemble Bella Gerit

Del cantar capituli e sonecti per l’illustre corte d’Urbino

Programma

Concerto Narrato
I più celebri brani del quattrocento urbinate e le cronache in rima – cantate – di Giovanni Santi da Urbino Ser Gaugello da Pergola, Antonio Nuti da Mercatello, Angelo Galli da Urbino.

Prima Parte

Giovanni Santi da Urbino – Capituli
Or qui, cum temperate et dolce note
Eccomi avante a voi cum l’humil collo
Costui di se: lassò per don superno

Angelo Galli da UrbinoSonecto
Se Cimabù cum Giotto e cum Gentile

Giovanni Santi da Urbino – Capituli
Sempre fu lui, quell’unico suggello
Onde gli piacque de volergli dare
A musica ancho el tempo concedeva 
Amator de vertù, et a pictori scudo
A Octavian, suo car fratel concede

Angelo Galli da UrbinoSonecto
Quel sol de gentileza et ver splendore

Antonio Nuti da MercatelloOctave
Odo ch’en stanze duecentocinquanta
Et d’ogni ragion libri qui si trova
De libri ce son qui d’omne ragione

Ser Gaugello de la PergolaCapituli
Questa madonna fo animosa tanto
Con nobel comitiva e regal corte
Le belle ornate camere et le sale

Guglielmo Ebreo da Pesaro
Colonnese, danza

Ser Gaugello de la PergolaCapituli
Le nozze ben fornite de ogne cosa
Et per piacere, secondo la stagione
Cantar non si potrebber quante feste
Battista Sforza, madonna gentile 
Pareva tucto el mondo esser affrancto

Seconda Parte

Anonimo
Bella Gerit
dalle tarsie lignee dello studiolo di Palazzo Ducale

Anonimo
J’ay pris amours/Laude e grazie in gentil core
dalle tarsie lignee dello studiolo di Palazzo Ducale; testo alternativo di Giovanni Santi

John Bedingham
O Rosa Bella
dal codice Urbinate Latino 1411 della Biblioteca dei Duchi di Urbino

Anonimo
Con dollia me ne vo’
dal codice Urbinate Latino 1411 della Biblioteca dei Duchi di Urbino

Gilles Binchois
Filles a Marier
dal codice Urbinate Latino 1411 della Biblioteca dei Duchi di Urbino

Guglielmo ebreo da Pesaro
La Bassa Castiglia
Dal codice MS 431 (olim G20) della Biblioteca comunale Augusta di Perugia

Bramante tu de mo’ troppo scortese!
dalle rime di Donato Bramante

Ars Cantus Mensurabilis

laReverdie©Roberto Vernassa_mini

Il trionfo della polifonia in Francia nel XIII secolo

Programma

Perotinus Magnus
Alleluya/Narivitas gloriose Virginis – organum

Perotinus Magnus (attrib.)
Mors a primi patris/Mors, que stimulo/Mors mors nata/Mors – clausula

Anonimo
Cruci Domini/Crux forma/Portare – motetus

E. de Mircovich
Mors et vita duello brano strumentale

Anonimo francese
Clavus pungens acumine – conductus
Dic Christi veritas – conductus

D. D. Sherwin
Ex tenebris ad lucem

Anonimo francese
O Maria maris/O Maria virgo davitica/Misit Dominus – motetus
O Maria regina/Audi pater/ya – motetus
O Maria regina/Audi pater/ya – motetus
Jam nubes dissolvitur/solem – motetus
Eximium decus virginum/Or voi je bien/ [Vir]go–motetus
Je m’estoie/docebit – motetus
S’on me regarde/ Hé mi enfant – motetus
Alle psallite cum luya – motetus

Il Clarinetto d’Amore

El Teatre Instrumental
 Il clarinetto d’amore e la teatralità della musica strumentale: un viaggio nel mondo dell’opera senza cantanti…
Programma
Wolfgang Amadeus Mozart (1756–1791)
Quintetto in la maggiore KV 581
Allegro, Larghetto, Menuetto-Trio1-Trio2, Allegretto con variazioni

La Follia

Orchestra Fima

Programma

J. F. Fasch
Ouverture in Si bemolle maggiore à 2. Chori ~ Fwv K:B 1

C. Tessarini
Ouverture e sinfonie per orchestra

F. Geminiani
Concerto grosso sopra l’opera V n.12 “La Follia” di Arcangelo Corelli

I Protagonisti:
Orchestra Barocca FIMA
Alfredo Bernardini, direttore
Dove:
Urbino, Cortile d’Onore del Palazzo Ducale

Ego Dormio et Cor Meum Vigilat

profeti-della-quinta_mini

Carlo G.
Veni dilecte mi

L. Luzzaschi
Aura Soave
Lucente e chiare stelle

A. Piccinini
Passacaglia

S. Rossi
Cor mio Deh non Languire

L. Luzzaschi
Stral pungente d‘amore
Cor mio Deh non Languire

G. Frescobaldi
Ricercar

Carlo G.
Iste est

E. Rotem
Shechora Ani

Carlo G.
Ego dormio et cor meum vigilat

Ori Harmelin
La Monica

Carlo G.
Amor Jesu dulcissime
Nigra Sum

E. Rotem
Ani Chavastelet

Carlo G.
Sub Illius

E. Rotem
Improvisation

S. Rossi
Ohime se tanto amate

A. Grandi
Quam tu pulchra es
Hodie nobis de caelo

Carlo G.
Miserere

I Protagonisti:
I Profeti della Quinta
Perrine Devillers, canto
Doron Schleifer, canto
Ori Harmelin, chitarrone
Elam Rotem, cembalo, organo e direzione
Dove:
Urbino, Salone Raffaello

L’Autunno del Barocco

Foto (c) Taco Van Der Werf

Programma

G. Ph. Telemann
Concerto in Re Maggiore TWV 42: D6
Piacevole – Allegro – Largo – Vivace

J. S. Bach
Sonata in La Maggiore BWV 1032
Vivace – Largo e dolce – Allegro
(Ricostruzione di Enrico Baiano)

C. Ph. E. Bach
Sonata in mi minore Wq 59/1
Presto attacca: Adagio, attacca: Andantino

G. F. Händel
Sonata in Fa Maggiore
Affettuoso – Allegro – Larghetto – Allegro

C. P. E. Bach
Sonata in Do Maggiore Wq 149
Allegro di molto – Andante – Allegretto

Music for Delight

odette

Programma

J. B. Besard
Branle, Courante, Volte, Branle – Branle gay, Branle, Canaries
da Thesaurus Harmonicus, Colonia 1603

M. Neusidler
Phantasia
Der Dorisanen Dantz mit Hupffauff

Moritz, Landgrave of Hesse
Pavin

G. Huwet
Fantasia

M. Reymann
Fantasia super Nun frewt euch lieben Christen gemein
Chorea 5
Galliarda 7
da Noctes Musicae, Heidelberg,1598

Anonimo
Up Tails All
I cannot keep my wife at home
Robin is to the Greenwood Gone
John come kiss me now

J. Johnson
Omnino Galliard
A Pavan to Delight
A Galliard to Delight
Carman’s Whistle

D. Bacheler
Pavan
Galliard
Mounsieurs Almaine

Liuto a otto ordini di Paul Thomson, Bristol (UK), 1991 copia da Vendelio Venere (1582)

Il Labirinto Armonico d’Arianna

Luca Guglielmi
photo : Marco Borggreve

Programma

J. S. Bach
Praeludium in Sol Magg. BWV 902

J. C. F. Fischer
Chaconne in Sol Magg. [Parthia VIII] FWV 16
Parthia III in la min. FWV 11
Praeludium – Passacaille – Bourrée – Menuet
Praeludium & Fuga VIII in Mi Magg. (Ariadne Musica)
Praeludium, Allemande & Chaconne “Euterpe” in Fa Magg. FWV 78 (Musikalischer Parnassus)

J. S. Bach
Praeludium & Fuga IX in Mi Magg. BWV 878/2
Fantasia & Fuga in do min. BWV 906
Praeludium & Fuga in la min. BWV 894 (Versione di Lipsia)

…un Solo Cammino…

Evangelina Mascardi_mini

Danze e improvvisazioni dalla Spagna all’America LatinaProgramma

dal Codex Saldivar (Mexico ca.1700)
Grabe, Allegro, Zarambeques, Marizapalos, Fandango, Canario

Tradizionale del Venezuela
La partida

Tradizionale Paraguay
Isla Sac

Cifras Selectas de guitarra (Cile ca.1700)
Passacalles por la D

Los Andes
Rapsodia andina

Tradizionale del Paraguay
Carreta Ivy, Graciasa lavida, Pajaro Campana

The Venues

Urbino

Urbino, Centro Storico

Oratorio di San Giovanni Battista
Palazzo Ducale, Cortile d’Onore
Palazzo Ducale, Salone del Trono

Frontpage

Italian Foundation for Early Music

Urbino Early Music Festival

50th Edition – Urbino, 07.19.2018>07.28.2018

The best of Early Music in the Italian Renaissance gem

English versioni in preparation. Meanwhile you can go to the italian version

For info and reservation please write to biblio.fima@libero.it

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Typography

Headings

Header one

Header two

Header three

Header four

Header five
Header six

Blockquotes

Single line blockquote:

Stay hungry. Stay foolish.

Multi line blockquote with a cite reference:

People think focus means saying yes to the thing you’ve got to focus on. But that’s not what it means at all. It means saying no to the hundred other good ideas that there are. You have to pick carefully. I’m actually as proud of the things we haven’t done as the things I have done. Innovation is saying no to 1,000 things. Steve Jobs – Apple Worldwide Developers’ Conference, 1997

Tables

Employee Salary
John Saddington $1 Because that’s all Steve Job’ needed for a salary.
Tom McFarlin $100K For all the blogging he does.
Jared Erickson $100M Pictures are worth a thousand words, right? So Tom x 1,000.
Chris Ames $100B With hair like that?! Enough said…

Definition Lists

Definition List Title
Definition list division.
Startup
A startup company or startup is a company or temporary organization designed to search for a repeatable and scalable business model.
#dowork
Coined by Rob Dyrdek and his personal body guard Christopher “Big Black” Boykins, “Do Work” works as a self motivator, to motivating your friends.
Do It Live
I’ll let Bill O’Reilly will explain this one.

Unordered Lists (Nested)

  • List item one
    • List item one
      • List item one
      • List item two
      • List item three
      • List item four
    • List item two
    • List item three
    • List item four
  • List item two
  • List item three
  • List item four

Ordered List (Nested)

  1. List item one
    1. List item one
      1. List item one
      2. List item two
      3. List item three
      4. List item four
    2. List item two
    3. List item three
    4. List item four
  2. List item two
  3. List item three
  4. List item four

HTML Tags

These supported tags come from the WordPress.com code FAQ.

Address Tag

1 Infinite Loop

Cupertino, CA 95014

United States

Anchor Tag (aka. Link)

This is an example of a link.

Abbreviation Tag

The abbreviation srsly stands for “seriously”.

Acronym Tag

The acronym ftw stands for “for the win”.

Big Tag

These tests are a big deal, but this tag is no longer supported in HTML5.

Cite Tag

“Code is poetry.” –Automattic

Code Tag

You will learn later on in these tests that word-wrap: break-word; will be your best friend.

Delete Tag

This tag will let you strikeout text, but this tag is no longer supported in HTML5 (use the <strike> instead).

Emphasize Tag

The emphasize tag should italicize text.

Insert Tag

This tag should denote inserted text.

Keyboard Tag

This scarsly known tag emulates keyboard text, which is usually styled like the <code> tag.

Preformatted Tag

This tag styles large blocks of code.

.post-title {
	margin: 0 0 5px;
	font-weight: bold;
	font-size: 38px;
	line-height: 1.2;
}

Quote Tag

Developers, developers, developers… –Steve Ballmer

Strong Tag

This tag shows bold text.

Subscript Tag

Getting our science styling on with H2O, which should push the “2″ down.

Superscript Tag

Still sticking with science and Isaac Newton’s E = MC2, which should lift the 2 up.

Teletype Tag

This rarely used tag emulates teletype text, which is usually styled like the <code> tag.

Variable Tag

This allows you to denote variables.

Widget Styles

The Events theme offers additional widget variations which can be activated by adding custom CSS classes to the widget wrapper – you can do it by using the GK Widget Rules plugin.

The Events theme supports two useful additional widgets:

  • GK News Show Pro
  • GK Tabs

 

Widget Areas

The image below shows available widget areas in the Events theme.

The grey areas are controlled by the theme options or by the menu manager.

widget_areas

Händel e i Colleghi Londinesi

eubo_mini

Programma

J. E. Galliard
Suite da Pan & Syrinx
Ouverture – Non troppo presto – Gavotte – Gigue – Sarabande – Bourrée – Gigue

G. F. Handel
Concerto Grosso Op. 6 n° 2
Andante larghetto – Allegro – Largo – Allegro ma non troppo

W. Babell
Concerto per flauto dolce in mi minore Op. 3 n° 3
Adagio – Allegro – Adagio – Allegro

G. F. Handel
Balletti da Alcina
Entrée des Songes agréables – Entrée des Songes funestes – Entrée des Songes agréables effrayés – Le Combat des Songes funestes et agréables

***

G. Sammartini
Concerto per flauto dolce in fa maggiore
Allegro – [Siciliano] – Allegro assai

F. S. Geminiani
Concerto Grosso Op 3 N° 2 in sol minore
Largo e staccato – Allegro – Adagio – Allegro

G. F. Handel
Water Music, Suite No 3 in Sol Maggiore, HWV 350
[Sarabande] – Rigaudon [Presto] – [Rigaudon 2] – Minuet [1] – [Minuet 2] – [Gigue 1] – [Gigue 2]

Typekit is for Everybody

event-12

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Sed sagittis massa eu nibh gravida ornare. Integer a pellentesque purus, vitae consectetur urna. Cras commodo suscipit magna in porttitor. Cras quis venenatis dolor. Nunc congue id libero ut feugiat. Donec mollis viverra consectetur. Nunc tempus vitae nisi eu posuere.

Duis ut massa in sem dapibus dignissim. In semper at leo in consectetur. In sit amet mattis metus. Cras in auctor orci. Etiam vitae ipsum magna. Aliquam a elit quis orci tincidunt consectetur. Vivamus et nibh ut dolor lobortis gravida ut ut risus. Nam quis facilisis magna. Nunc imperdiet libero sapien, ut faucibus magna pharetra a. Mauris id commodo dolor. Donec pellentesque semper velit vel tempor. Pellentesque in erat vitae libero lobortis malesuada id eget nulla. Aliquam eleifend diam non nisi tincidunt, eu auctor ligula sagittis. Aliquam lacus massa, sodales ut vehicula a, interdum eget urna.

Duis ut massa in sem dapibus dignissim. In semper at leo in consectetur. In sit amet mattis metus. Cras in auctor orci. Etiam vitae ipsum magna. Aliquam a elit quis orci tincidunt consectetur. Vivamus et nibh ut dolor lobortis gravida ut ut risus. Nam quis facilisis magna. Nunc imperdiet libero sapien, ut faucibus magna pharetra a. Mauris id commodo dolor. Donec pellentesque semper velit vel tempor. Pellentesque in erat vitae libero lobortis malesuada id eget nulla. Aliquam eleifend diam non nisi tincidunt, eu auctor ligula sagittis. Aliquam lacus massa, sodales ut vehicula a, interdum eget urna.

Main Takeaways:

  • Nunc viverra elit risus, adipiscing placerat nibh malesuada nec.
  • Vivamus bibendum condimentum lacus, id fermentum dolor.
  • Donec fringilla libero erat, ut mollis urna auctor eu.

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Phasellus rutrum, libero id imperdiet elementum, nunc quam gravida mi, vehicula euismod magna lacus ornare mauris. Proin euismod scelerisque risus. Vivamus imperdiet hendrerit ornare. Phasellus dapibus imperdiet nibh, nec sagittis odio condimentum sed.

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Phasellus rutrum, libero id imperdiet elementum, nunc quam gravida mi, vehicula euismod magna lacus ornare mauris. Proin euismod scelerisque risus. Vivamus imperdiet hendrerit ornare. Phasellus dapibus imperdiet nibh, nec sagittis odio condimentum sed.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Designing and Developing You

event-11

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Sed sagittis massa eu nibh gravida ornare. Integer a pellentesque purus, vitae consectetur urna. Cras commodo suscipit magna in porttitor. Cras quis venenatis dolor. Nunc congue id libero ut feugiat. Donec mollis viverra consectetur. Nunc tempus vitae nisi eu posuere.

Duis ut massa in sem dapibus dignissim. In semper at leo in consectetur. In sit amet mattis metus. Cras in auctor orci. Etiam vitae ipsum magna. Aliquam a elit quis orci tincidunt consectetur. Vivamus et nibh ut dolor lobortis gravida ut ut risus. Nam quis facilisis magna. Nunc imperdiet libero sapien, ut faucibus magna pharetra a. Mauris id commodo dolor. Donec pellentesque semper velit vel tempor. Pellentesque in erat vitae libero lobortis malesuada id eget nulla. Aliquam eleifend diam non nisi tincidunt, eu auctor ligula sagittis. Aliquam lacus massa, sodales ut vehicula a, interdum eget urna.

Duis ut massa in sem dapibus dignissim. In semper at leo in consectetur. In sit amet mattis metus. Cras in auctor orci. Etiam vitae ipsum magna. Aliquam a elit quis orci tincidunt consectetur. Vivamus et nibh ut dolor lobortis gravida ut ut risus. Nam quis facilisis magna. Nunc imperdiet libero sapien, ut faucibus magna pharetra a. Mauris id commodo dolor. Donec pellentesque semper velit vel tempor. Pellentesque in erat vitae libero lobortis malesuada id eget nulla. Aliquam eleifend diam non nisi tincidunt, eu auctor ligula sagittis. Aliquam lacus massa, sodales ut vehicula a, interdum eget urna.

Main Takeaways:

  • Nunc viverra elit risus, adipiscing placerat nibh malesuada nec.
  • Vivamus bibendum condimentum lacus, id fermentum dolor.
  • Donec fringilla libero erat, ut mollis urna auctor eu.

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Phasellus rutrum, libero id imperdiet elementum, nunc quam gravida mi, vehicula euismod magna lacus ornare mauris. Proin euismod scelerisque risus. Vivamus imperdiet hendrerit ornare. Phasellus dapibus imperdiet nibh, nec sagittis odio condimentum sed.

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Phasellus rutrum, libero id imperdiet elementum, nunc quam gravida mi, vehicula euismod magna lacus ornare mauris. Proin euismod scelerisque risus. Vivamus imperdiet hendrerit ornare. Phasellus dapibus imperdiet nibh, nec sagittis odio condimentum sed.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Putting the Fonts into Website

event-10

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Sed sagittis massa eu nibh gravida ornare. Integer a pellentesque purus, vitae consectetur urna. Cras commodo suscipit magna in porttitor. Cras quis venenatis dolor. Nunc congue id libero ut feugiat. Donec mollis viverra consectetur. Nunc tempus vitae nisi eu posuere.

Duis ut massa in sem dapibus dignissim. In semper at leo in consectetur. In sit amet mattis metus. Cras in auctor orci. Etiam vitae ipsum magna. Aliquam a elit quis orci tincidunt consectetur. Vivamus et nibh ut dolor lobortis gravida ut ut risus. Nam quis facilisis magna. Nunc imperdiet libero sapien, ut faucibus magna pharetra a. Mauris id commodo dolor. Donec pellentesque semper velit vel tempor. Pellentesque in erat vitae libero lobortis malesuada id eget nulla. Aliquam eleifend diam non nisi tincidunt, eu auctor ligula sagittis. Aliquam lacus massa, sodales ut vehicula a, interdum eget urna.

Duis ut massa in sem dapibus dignissim. In semper at leo in consectetur. In sit amet mattis metus. Cras in auctor orci. Etiam vitae ipsum magna. Aliquam a elit quis orci tincidunt consectetur. Vivamus et nibh ut dolor lobortis gravida ut ut risus. Nam quis facilisis magna. Nunc imperdiet libero sapien, ut faucibus magna pharetra a. Mauris id commodo dolor. Donec pellentesque semper velit vel tempor. Pellentesque in erat vitae libero lobortis malesuada id eget nulla. Aliquam eleifend diam non nisi tincidunt, eu auctor ligula sagittis. Aliquam lacus massa, sodales ut vehicula a, interdum eget urna.

Main Takeaways:

  • Nunc viverra elit risus, adipiscing placerat nibh malesuada nec.
  • Vivamus bibendum condimentum lacus, id fermentum dolor.
  • Donec fringilla libero erat, ut mollis urna auctor eu.

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Phasellus rutrum, libero id imperdiet elementum, nunc quam gravida mi, vehicula euismod magna lacus ornare mauris. Proin euismod scelerisque risus. Vivamus imperdiet hendrerit ornare. Phasellus dapibus imperdiet nibh, nec sagittis odio condimentum sed.

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Phasellus rutrum, libero id imperdiet elementum, nunc quam gravida mi, vehicula euismod magna lacus ornare mauris. Proin euismod scelerisque risus. Vivamus imperdiet hendrerit ornare. Phasellus dapibus imperdiet nibh, nec sagittis odio condimentum sed.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Designing Using Data

event-9

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Sed sagittis massa eu nibh gravida ornare. Integer a pellentesque purus, vitae consectetur urna. Cras commodo suscipit magna in porttitor. Cras quis venenatis dolor. Nunc congue id libero ut feugiat. Donec mollis viverra consectetur. Nunc tempus vitae nisi eu posuere.

Duis ut massa in sem dapibus dignissim. In semper at leo in consectetur. In sit amet mattis metus. Cras in auctor orci. Etiam vitae ipsum magna. Aliquam a elit quis orci tincidunt consectetur. Vivamus et nibh ut dolor lobortis gravida ut ut risus. Nam quis facilisis magna. Nunc imperdiet libero sapien, ut faucibus magna pharetra a. Mauris id commodo dolor. Donec pellentesque semper velit vel tempor. Pellentesque in erat vitae libero lobortis malesuada id eget nulla. Aliquam eleifend diam non nisi tincidunt, eu auctor ligula sagittis. Aliquam lacus massa, sodales ut vehicula a, interdum eget urna.

Duis ut massa in sem dapibus dignissim. In semper at leo in consectetur. In sit amet mattis metus. Cras in auctor orci. Etiam vitae ipsum magna. Aliquam a elit quis orci tincidunt consectetur. Vivamus et nibh ut dolor lobortis gravida ut ut risus. Nam quis facilisis magna. Nunc imperdiet libero sapien, ut faucibus magna pharetra a. Mauris id commodo dolor. Donec pellentesque semper velit vel tempor. Pellentesque in erat vitae libero lobortis malesuada id eget nulla. Aliquam eleifend diam non nisi tincidunt, eu auctor ligula sagittis. Aliquam lacus massa, sodales ut vehicula a, interdum eget urna.

Main Takeaways:

  • Nunc viverra elit risus, adipiscing placerat nibh malesuada nec.
  • Vivamus bibendum condimentum lacus, id fermentum dolor.
  • Donec fringilla libero erat, ut mollis urna auctor eu.

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Phasellus rutrum, libero id imperdiet elementum, nunc quam gravida mi, vehicula euismod magna lacus ornare mauris. Proin euismod scelerisque risus. Vivamus imperdiet hendrerit ornare. Phasellus dapibus imperdiet nibh, nec sagittis odio condimentum sed.

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Phasellus rutrum, libero id imperdiet elementum, nunc quam gravida mi, vehicula euismod magna lacus ornare mauris. Proin euismod scelerisque risus. Vivamus imperdiet hendrerit ornare. Phasellus dapibus imperdiet nibh, nec sagittis odio condimentum sed.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

28 Sunday

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Mauris at ante eu justo ultrices iaculis sit amet non est. Maecenas ac mi dapibus, iaculis ipsum ut, tempor metus.

06:30 am – 07:00 am Early Registration

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Big Corporation

logo-9

Integer posuere erat a ante venenatis dapibus posuere velit aliquet. Donec sed odio dui. Donec ullamcorper nulla non metus auctor fringilla. Duis mollis, est non commodo luctus, nisi erat porttitor ligula, eget lacinia odio sem nec elit. Donec sed odio dui.

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Integer posuere erat a ante venenatis dapibus posuere velit aliquet. Aenean eu leo quam. Pellentesque ornare sem lacinia quam venenatis vestibulum. Fusce dapibus, tellus ac cursus commodo, tortor mauris condimentum nibh, ut fermentum massa justo sit amet risus. Sed posuere consectetur est at lobortis.
(more…)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Corporation

logo-8

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Cras mattis consectetur purus sit amet fermentum. Duis mollis, est non commodo luctus, nisi erat porttitor ligula, eget lacinia odio sem nec elit. Nulla vitae elit libero, a pharetra augue.

Cras mattis consectetur purus sit amet fermentum. Curabitur blandit tempus porttitor. Cras mattis consectetur purus sit amet fermentum. Duis mollis, est non commodo luctus, nisi erat porttitor ligula, eget lacinia odio sem nec elit. Aenean lacinia bibendum nulla sed consectetur. Integer posuere erat a ante venenatis dapibus posuere velit aliquet. Maecenas faucibus mollis interdum.
(more…)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Robert Gavick

logo-7

Robert Gavick is a company which specializes in providing great premium Joomla templates and WordPress themes which can be utilised on many types of websites. The themes have modern and clean design and are fully prepared for the mobile devices.

All themes are available in good prices with professional support and regular updates. The current company’s focus area are WordPress themes and WordPress extensions.
(more…)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Gli Interpreti

Pagina in Aggiornamento

Alcuni dei protagonisti dell’Edizione 2018 del Festival di Urbino Musica Antica

Private Pesticide Applicators Training

event-4

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Sed sagittis massa eu nibh gravida ornare. Integer a pellentesque purus, vitae consectetur urna. Cras commodo suscipit magna in porttitor. Cras quis venenatis dolor. Nunc congue id libero ut feugiat. Donec mollis viverra consectetur. Nunc tempus vitae nisi eu posuere.

Duis ut massa in sem dapibus dignissim. In semper at leo in consectetur. In sit amet mattis metus. Cras in auctor orci. Etiam vitae ipsum magna. Aliquam a elit quis orci tincidunt consectetur. Vivamus et nibh ut dolor lobortis gravida ut ut risus. Nam quis facilisis magna. Nunc imperdiet libero sapien, ut faucibus magna pharetra a. Mauris id commodo dolor. Donec pellentesque semper velit vel tempor. Pellentesque in erat vitae libero lobortis malesuada id eget nulla. Aliquam eleifend diam non nisi tincidunt, eu auctor ligula sagittis. Aliquam lacus massa, sodales ut vehicula a, interdum eget urna.

Duis ut massa in sem dapibus dignissim. In semper at leo in consectetur. In sit amet mattis metus. Cras in auctor orci. Etiam vitae ipsum magna. Aliquam a elit quis orci tincidunt consectetur. Vivamus et nibh ut dolor lobortis gravida ut ut risus. Nam quis facilisis magna. Nunc imperdiet libero sapien, ut faucibus magna pharetra a. Mauris id commodo dolor. Donec pellentesque semper velit vel tempor. Pellentesque in erat vitae libero lobortis malesuada id eget nulla. Aliquam eleifend diam non nisi tincidunt, eu auctor ligula sagittis. Aliquam lacus massa, sodales ut vehicula a, interdum eget urna.

Main Takeaways:

  • Nunc viverra elit risus, adipiscing placerat nibh malesuada nec.
  • Vivamus bibendum condimentum lacus, id fermentum dolor.
  • Donec fringilla libero erat, ut mollis urna auctor eu.

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Phasellus rutrum, libero id imperdiet elementum, nunc quam gravida mi, vehicula euismod magna lacus ornare mauris. Proin euismod scelerisque risus. Vivamus imperdiet hendrerit ornare. Phasellus dapibus imperdiet nibh, nec sagittis odio condimentum sed.

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Phasellus rutrum, libero id imperdiet elementum, nunc quam gravida mi, vehicula euismod magna lacus ornare mauris. Proin euismod scelerisque risus. Vivamus imperdiet hendrerit ornare. Phasellus dapibus imperdiet nibh, nec sagittis odio condimentum sed.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Designing Responsive Websites

event-3

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Sed sagittis massa eu nibh gravida ornare. Integer a pellentesque purus, vitae consectetur urna. Cras commodo suscipit magna in porttitor. Cras quis venenatis dolor. Nunc congue id libero ut feugiat. Donec mollis viverra consectetur. Nunc tempus vitae nisi eu posuere.

Duis ut massa in sem dapibus dignissim. In semper at leo in consectetur. In sit amet mattis metus. Cras in auctor orci. Etiam vitae ipsum magna. Aliquam a elit quis orci tincidunt consectetur. Vivamus et nibh ut dolor lobortis gravida ut ut risus. Nam quis facilisis magna. Nunc imperdiet libero sapien, ut faucibus magna pharetra a. Mauris id commodo dolor. Donec pellentesque semper velit vel tempor. Pellentesque in erat vitae libero lobortis malesuada id eget nulla. Aliquam eleifend diam non nisi tincidunt, eu auctor ligula sagittis. Aliquam lacus massa, sodales ut vehicula a, interdum eget urna.

Duis ut massa in sem dapibus dignissim. In semper at leo in consectetur. In sit amet mattis metus. Cras in auctor orci. Etiam vitae ipsum magna. Aliquam a elit quis orci tincidunt consectetur. Vivamus et nibh ut dolor lobortis gravida ut ut risus. Nam quis facilisis magna. Nunc imperdiet libero sapien, ut faucibus magna pharetra a. Mauris id commodo dolor. Donec pellentesque semper velit vel tempor. Pellentesque in erat vitae libero lobortis malesuada id eget nulla. Aliquam eleifend diam non nisi tincidunt, eu auctor ligula sagittis. Aliquam lacus massa, sodales ut vehicula a, interdum eget urna.

Main Takeaways:

  • Nunc viverra elit risus, adipiscing placerat nibh malesuada nec.
  • Vivamus bibendum condimentum lacus, id fermentum dolor.
  • Donec fringilla libero erat, ut mollis urna auctor eu.

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Phasellus rutrum, libero id imperdiet elementum, nunc quam gravida mi, vehicula euismod magna lacus ornare mauris. Proin euismod scelerisque risus. Vivamus imperdiet hendrerit ornare. Phasellus dapibus imperdiet nibh, nec sagittis odio condimentum sed.

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Phasellus rutrum, libero id imperdiet elementum, nunc quam gravida mi, vehicula euismod magna lacus ornare mauris. Proin euismod scelerisque risus. Vivamus imperdiet hendrerit ornare. Phasellus dapibus imperdiet nibh, nec sagittis odio condimentum sed.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

CSS architecture for front-ends

event-2

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Sed sagittis massa eu nibh gravida ornare. Integer a pellentesque purus, vitae consectetur urna. Cras commodo suscipit magna in porttitor. Cras quis venenatis dolor. Nunc congue id libero ut feugiat. Donec mollis viverra consectetur. Nunc tempus vitae nisi eu posuere.

Duis ut massa in sem dapibus dignissim. In semper at leo in consectetur. In sit amet mattis metus. Cras in auctor orci. Etiam vitae ipsum magna. Aliquam a elit quis orci tincidunt consectetur. Vivamus et nibh ut dolor lobortis gravida ut ut risus. Nam quis facilisis magna. Nunc imperdiet libero sapien, ut faucibus magna pharetra a. Mauris id commodo dolor. Donec pellentesque semper velit vel tempor. Pellentesque in erat vitae libero lobortis malesuada id eget nulla. Aliquam eleifend diam non nisi tincidunt, eu auctor ligula sagittis. Aliquam lacus massa, sodales ut vehicula a, interdum eget urna.

Duis ut massa in sem dapibus dignissim. In semper at leo in consectetur. In sit amet mattis metus. Cras in auctor orci. Etiam vitae ipsum magna. Aliquam a elit quis orci tincidunt consectetur. Vivamus et nibh ut dolor lobortis gravida ut ut risus. Nam quis facilisis magna. Nunc imperdiet libero sapien, ut faucibus magna pharetra a. Mauris id commodo dolor. Donec pellentesque semper velit vel tempor. Pellentesque in erat vitae libero lobortis malesuada id eget nulla. Aliquam eleifend diam non nisi tincidunt, eu auctor ligula sagittis. Aliquam lacus massa, sodales ut vehicula a, interdum eget urna.

Main Takeaways:

  • Nunc viverra elit risus, adipiscing placerat nibh malesuada nec.
  • Vivamus bibendum condimentum lacus, id fermentum dolor.
  • Donec fringilla libero erat, ut mollis urna auctor eu.

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Phasellus rutrum, libero id imperdiet elementum, nunc quam gravida mi, vehicula euismod magna lacus ornare mauris. Proin euismod scelerisque risus. Vivamus imperdiet hendrerit ornare. Phasellus dapibus imperdiet nibh, nec sagittis odio condimentum sed.

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Phasellus rutrum, libero id imperdiet elementum, nunc quam gravida mi, vehicula euismod magna lacus ornare mauris. Proin euismod scelerisque risus. Vivamus imperdiet hendrerit ornare. Phasellus dapibus imperdiet nibh, nec sagittis odio condimentum sed.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

F.A.Q.

All necessary informations about the upcoming events

How to buy a tickets for the upcoming events?

Cras mattis consectetur purus sit amet fermentum. Sed posuere consectetur est at lobortis. Etiam porta sem malesuada magna mollis euismod. Praesent commodo cursus magna, vel scelerisque nisl consectetur et. Nulla vitae elit libero, a pharetra augue. Donec id elit non mi porta gravida at eget metus. Nullam quis risus eget urna mollis ornare vel eu leo.

How many tickets are available?

Donec sed odio dui. Donec sed odio dui. Nullam id dolor id nibh ultricies vehicula ut id elit. Duis mollis, est non commodo luctus, nisi erat porttitor ligula, eget lacinia odio sem nec elit. Sed posuere consectetur est at lobortis.

It is possible to cancel my bought tickets?

Morbi leo risus, porta ac consectetur ac, vestibulum at eros. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Etiam porta sem malesuada magna mollis euismod. Vestibulum id ligula porta felis euismod semper. Fusce dapibus, tellus ac cursus commodo, tortor mauris condimentum nibh, ut fermentum massa justo sit amet risus.

Where are the nearest hotels for the conference location?

Fusce dapibus, tellus ac cursus commodo, tortor mauris condimentum nibh, ut fermentum massa justo sit amet risus. Aenean lacinia bibendum nulla sed consectetur. Integer posuere erat a ante venenatis dapibus posuere velit aliquet. Duis mollis, est non commodo luctus, nisi erat porttitor ligula, eget lacinia odio sem nec elit. Maecenas sed diam eget risus varius blandit sit amet non magna. Vivamus sagittis lacus vel augue laoreet rutrum faucibus dolor auctor.

Who can help me during the event?

Donec sed odio dui. Cras mattis consectetur purus sit amet fermentum. Cras justo odio, dapibus ac facilisis in, egestas eget quam. Integer posuere erat a ante venenatis dapibus posuere velit aliquet. Fusce dapibus, tellus ac cursus commodo, tortor mauris condimentum nibh, ut fermentum massa justo sit amet risus. Morbi leo risus, porta ac consectetur ac, vestibulum at eros. Nullam id dolor id nibh ultricies vehicula ut id elit.

I want to be a speaker – how can I suggest my presentation?

Fusce dapibus, tellus ac cursus commodo, tortor mauris condimentum nibh, ut fermentum massa justo sit amet risus. Etiam porta sem malesuada magna mollis euismod. Duis mollis, est non commodo luctus, nisi erat porttitor ligula, eget lacinia odio sem nec elit. Cras justo odio, dapibus ac facilisis in, egestas eget quam. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit.

Un Rumore Magnifico

concerto-palatino_mini

Programma

G. Frescobaldi
Canzon per 2 canti e 2 bassi
Canzon per 2 bassi
Canzon per 2 canti
Capriccio sopra la, sol, fa, mi, re ut (Ms.)
Canzon prima La Spiritata

G. Gabrieli
Canzon seconda à 4

P. Lappi
Canzon à 4 La Luzzaga

C. Ritter
Sonatina

G. P. Cima
Capriccio à 4

G. M. Cesare
La Fenice à 4

J. Stephani
Fantasia

G. Bassano
Tota pulchra es
motetto del Palestrina passeggiato

M. Weckmann
Fantasia ex D

L. da Viadana
Canzon francese in risposta

N. Corradini
Suonata in risposta La Golferamma

H. Scheidemann
Praeludium ex D
Alimand
Corrent

G. Picchi
Canzon à 4

Dove:
Urbino, Salone Raffaello
L'Interprete:
Concerto Palatino
Bruce Dickey, cornetto
Veronika Skuplik, violino
Charles Toet, trombone
Joost Swinkels, trombone
Marc Szelest, organo

In Dulcedine et Ardore

maria-clearly

Programma

N. Fontei
Pianto d’Erinna

M. Rossi
Toccata Decima

B. Strozzi
La sol fa, mi, re, do

T. Merula
Su la cetra amorosa

M. Rossi
Toccata settima

T. Merula
Folle è ben chi si crede

G. A. Rigatti
Lamento di Jole per la partenza d’Alcide

M. Rossi
Toccata Prima

B. Strozzi
È pazzo il mio core

T. Merula
Sentirete una canzonetta

Recital di Violino

Prof. Susanne Scholz
© Gert Mothes

Programma

G. Bassano
Ricercar quarta
da “Ricercate, Passaggi et Cadentie per potersi essercitar nel dimninuir con ogni sorte d’istromento, Venetia 1585”

T. Baltzar
Prelude
da “The Division Violin” , John Playford, London 1684

T. Baltzar
Suite
da Apollo’s Banquet, Playford, London, 1669

J. J. Vilsmayr
Partita V in sol minore
Prelude – Gavott – Rigodon – Guique – Menuett – Boure – Retirada
da “Artificiosus Conentus pro Camera  Distributus in Sec Partes, seu Partias à Violino Solo Con Basso bellè imitante”, Salisburgo 1715

J. S. Bach
Partita  2 da in re minore BWV 1004
Allemanda – Corrente – Sarabanda – Giga – Ciaccona
da “Sei solo à Violino senza Basso accompagnato. Libro primo da Joh. Seb.Bach”, 1720

Big Company

logo-4

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Donec sed odio dui. Curabitur blandit tempus porttitor. Aenean eu leo quam. Pellentesque ornare sem lacinia quam venenatis vestibulum. Integer posuere erat a ante venenatis dapibus posuere velit aliquet.

Nullam id dolor id nibh ultricies vehicula ut id elit. Morbi leo risus, porta ac consectetur ac, vestibulum at eros. Etiam porta sem malesuada magna mollis euismod. Nullam id dolor id nibh ultricies vehicula ut id elit. Cras mattis consectetur purus sit amet fermentum.
(more…)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Sponsors

Keep your eyes peeled for all the latest news from our sponsors, then pay them back for their efforts by following them on their social media channels or dropping in on their website or blog.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Susanne Scholz

Prof. Susanne Scholz
© Gert Mothes

Come violinista barocca, primo violino e Maestra di concerto Susanne Scholz divide le sue attività artistiche tra il dirigere progetti d’opera e d’orchestra, tra la musica da camera e tra concerti come solista.

Il suo repertorio include la musica rinascimentale (soprattutto col suo ensemble www.chordaefreybergenses.com), la musica barocca e anche quella classica, eseguita coi strumenti adeguati per ciascuna delle epoche e utilizzando le tecniche strumentali appropriate e usufruendo di una conoscenza molto profonda delle fonti.

Nata nel 1969 a Graz, Susanne Scholz ha studiato nella sua città natale, a Vienna e a L’Aia. Ha eseguito una attività concertistica internazionale specialmente suonando con “Les Arts Florissants” e “La Petite Bande” e tante altre formazioni di tutta l’Europa.

Susanne Scholz ha inciso innumerevoli dischi, tanti dei quali come solista.

Dal 1995 ha una regolare attività pedagogica e musicologa – fino al 1999 a Vienna al conservatorio (oggi: Prvatuniversität Wien), dal 1999 fino ad oggi come Professore alla “Hochschule für Musik und Theater” a Lipsia dove accanto all’insegnamento di violino barocco, musica da camera e delle materie musicologiche esegue una serie di attività come grandi progetti d’opera, collaborazioni col Bach Archiv, il museo per strumenti musicali di Lipsia ed altre istituzioni musicologiche e guida il dipartimento di musica antica. Dal 2012 divide la sua attività pedagogica tra Lipsia e Graz, dove insegna al dipartimento dell’università di musica di Graz  violino barocco ed esegue ugualmente progetti di musica da camera e produzioni d’opera.

Ha anche insegnato in tanti altri istituzioni in tutta l’Europa e in Asia come anche dato dei corsi estivi in tanti luoghi diversi .

Suona strumenti rinascimentali, barocchi e classici di Hans Salger (Bremen) , Capolino di Salò (Brescia), Federico Lowenberger (Genova) e archi di Antonino Airenti (Genova), Hans Salger (Bremen), Hagen Schiffler (Passau) e Daniel Latour (Francia).

In Dulcedine et Ardore

lia-serafini_mini

Programma

N. Fontei
Pianto d’Erinna

M. Rossi
Toccata Decima

B. Strozzi
La sol fa, mi, re, do

T. Merula
Su la cetra amorosa

M. Rossi
Toccata settima

T. Merula
Folle è ben chi si crede

G. A. Rigatti
Lamento di Jole per la partenza d’Alcide

M. Rossi
Toccata Prima

B. Strozzi
È pazzo il mio core

T. Merula
Sentirete una canzonetta

Frontpage

Fondazione Italiana per la Musica Antica

Festival di Urbino Musica Antica

L Edizione – Urbino, 19.07.2018>28.07.2018

Il meglio della Musica Antica nella perla del Rinascimento Italiano

Biglietteria online su Liveticket